Nel 25 Aprile la richiesta del sindaco Barnini: «Deve essere riconosciuto il merito civile della Repubblica alla Città di Empoli per il contributo, anche di vite, dato alla lotta di Liberazione»

COMUNICATO STAMPA

lunedì 25 Aprile 2016

CELEBRAZIONI ISTITUZIONALI.

EMPOLI - Dalle celebrazioni del 25 aprile a Empoli, Festa di Liberazione Nazionale, arriva una richiesta del sindaco Brenda Barnini.

LA RICHIESTA - Nel suo discorso di fronte al cippo di piazza XXIV Luglio, dopo la deposizione della corona al monumento ai caduti in piazza della Vittoria, il primo cittadino empolese ha avanzato una richiesta chiara e precisa: «Empoli ha dato un contributo straordinario al grande movimento di partecipazione civile di riscossa morale di guerra contro la dittatura per la libertà. Eppure ancora oggi, a distanza di 71 anni dalla Liberazione, questo eccezionale contributo e sacrificio non ha ricevuto un riconoscimento ufficiale da parte della Repubblica, né onorificenze per la Città. Siamo stati insigniti del titolo di 'capitale morale dell'antifascismo toscano' dalla federazione delle associazioni di combattenti e di questo siamo immensamente grati. Ma pensiamo sia giusto ritentare compiutamente il percorso per vedersi riconosciuti i meriti civili dalla Presidenza della Repubblica. E per questo obiettivo lavoreremo nei prossimi mesi grazie alla collaborazione dell'onorevole Dario Parrini. Affinché la grandezza dell'impresa compiuta dai nostri concittadini 71 anni fa rimanga per sempre scolpita e associata all'immagine della nostra città e con questo si possa contribuire a combattere l'oblio e la dimenticanza». Dunque il Comune di Empoli riprova, a distanza di oltre venti anni, e dopo almeno altri tre tentativi avvenuti fra il '64 e il '94, a ottenere un segno di gratitudine ufficiale attraverso il riconoscimento del merito al valor civile per la Città.

PARRINI - Su questo argomento è intervenuto anche l'onorevole Dario Parrini, presente alla celebrazione odierna a Empoli: «Ritengo la richiesta del sindaco Barnini totalmente fondata perché il contributo dato dalla Città di Empoli, sia nel periodo della clandestinità e della cospirazione, sia durante la resistenza e nella lotta al fascismo, è stato un contributo straordinario in rapporto alla situazione demografica. Un apporto di rilievo nazionale, non solo regionale. La quantità di quadri e direttivi forniti alla lotta clandestina, la quantità di arrestati, processati e condannati dal tribunale speciale, la quantità di militanti impegnati nell'antifascismo è perfettamente documentata ed è davvero eccezionale. Ne sono testimonianze i volumi di Mauro Guerrini e di Paolo Pezzino. Dopo la richiesta del sindaco Brenda Barnini ci siamo già attivati presso i competenti organismi governativi per sostenere questa istanza che, se venisse accolta, colmerebbe un vuoto».

CELEBRAZIONE - In centinaia hanno partecipato, dopo la santa messa in suffragio, celebrata nella chiesa della Madonna del Pozzo dal Proposto Don Guido Engels, alla deposizione della corona di alloro al monumento ai caduti in piazza della Vittoria. E' stato cantato l'Inno di Mameli, è stato intonato dalla tromba il silenzio, quindi i presenti si sono spostati, dopo un breve corteo per le vie del centro storico, in piazza XXIV Luglio, davanti al cippo ricordo dell'Antifascismo e della Resistenza, dove i nazifascisti fucilarono per rappresaglia 29 uomini. Qui il discorso del sindaco e, come lo scorso anno, l'architetto Vincenzo Mollica ha suonato con la chitarra e cantato 'Bella Ciao'. Sono stati chiamati gli ex partigiani e componenti delle associazioni fra questi Sauro Cappelli, Dario Del Sordo e Ugo Morchi. Fra i partecipanti tutti i rappresentanti delle forze dell'ordine cittadine, le associazioni di ex combattenti, dei carabinieri in congedo, Anpi, Aned, Anppia e Avis, numerosi rappresentanti delle forze politiche locali. Dopo la deposizione della corona di alloro al cippo ricordo dell'Antifascismo e della resistenza la commemorazione, sempre alla presenza del sindaco Brenda Barnini, è proseguita poi nella frazione di Fontanella, con la deposizione della corona di alloro al cippo ricordo sulla SR 429, alla presenza del gonfalone della Città di Empoli e da personale della polizia municipale dell'Unione dei Comuni.

Il contenuto e’ stato pubblicato da Comune di Empoli in data 25 aprile 2016. La fonte e’ unica responsabile dei contenuti. Distribuito da Public, inalterato e non modificato, in data 26 aprile 2016 08.52.06 UTC.

Il documento originale e’ disponibile all’indirizzo: http://www.comune.empoli.fi.it/comunicati/index.asp?INCLUDI=2016/4/25aprile_2.htm

TrovaRistorante

a Empoli Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro