Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Scuole come “bombe ad orologeria”, mancano i direttori dei servizi generali

Sono le figure che mandano avanti l’amministrazione Non ci sono in 4 istituti, in gravi difficoltà anche la Busoni

EMPOLI

«La scuola media Busoni di Empoli e l'istituto comprensivo di Capraia e Limite sono delle bombe a orologeria. Hanno il preside reggente e sono senza direttore dei servizi generali e amministrativi (dsga). Una situazione insostenibile». La segretaria Flc Cgil di Firenze Paola Pisano non fa tanti giri di parole. Alla Busoni e al comprensivo di Capraia e Limite servono subito i direttori dei servizi generali. Sono loro il braccio operativo dei presidi nelle scuole. Firmano i contratti e ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

EMPOLI

«La scuola media Busoni di Empoli e l'istituto comprensivo di Capraia e Limite sono delle bombe a orologeria. Hanno il preside reggente e sono senza direttore dei servizi generali e amministrativi (dsga). Una situazione insostenibile». La segretaria Flc Cgil di Firenze Paola Pisano non fa tanti giri di parole. Alla Busoni e al comprensivo di Capraia e Limite servono subito i direttori dei servizi generali. Sono loro il braccio operativo dei presidi nelle scuole. Firmano i contratti e provvedono alle buste paga dei lavoratori, assegnano i turni e le attività al personale Ata,assistenti amministrativi e collaboratori scolastici, si occupano degli acquisti di cancelleria. Insomma. Senza questi direttori una scuola semplicemente “non funziona”. E la preside neoreggente del comprensivo Capraia e Limite Laura Lozzi conferma: «Non lo nascondo. Mi trovo in grande disagio. Senza direttore io non sono in grado di essere operativa al massimo come vorrei. Le condizioni di lavoro in cui mi trovo non lo permettono. Chiederò subito la nomina urgente di un dsga all'Ufficio scolastico regionale». E se è vero che la preside Lozzi può supplire alla mancanza del direttore firmando lei i provvedimenti, buste paga comprese, è vero anche che ci sono tutte le altre attività operative che senza direttore risulteranno molto più pesanti. «I ragazzi tornano a scuola il 17 settembre. Ma per noi – spiega la preside - il lavoro riparte il 1° settembre. Ci sono i collegi dei docenti, le riunioni di inizio programmazione, quelle col personale Ata. Senza il direttore sarà tutto molto più faticoso».

Non solo. Laura Lozzi ha saputo della sua nomina a reggente del Capraia e Limite solo l'altro ieri. E' già preside del liceo artistico di Porta Romana a Firenze e del suo distaccamento a Sesto Fiorentino. Fanno 1.700 studenti. Con gli 800 del Capraia e Limite raggiungerà quota 2.500 studenti da seguire. «E se non mi danno un direttore sarò davvero in grossa difficoltà», insiste.

Le stesse problematiche si presentano alla media Busoni di Empoli. Anche qui niente dsga e preside reggente. Ma scorrendo la lista delle scuole empolesi insieme ad Alessandra Faini, della segreteria Flc Cgil Firenze, saltano fuori altre assenze. «Il dsga manca anche al circolo didattico 1 Empoli-Fucecchio e all'istituto comprensivo di Montelupo», dice Faini. Mentre hanno presidi in reggenza il comprensivo Montanelli Petrarca di Fucecchio, il comprensivo di Vinci, il Checci di Fucecchio, i circoli didattici 2 e 3. Come risolvere queste carenze? «Quelli dei dsga sono posti vacanti, le graduatorie sono finite. Ci vogliono nuovi concorsi. Noi li chiediamo da 5 anni, ma non ci ascoltano», dice Alessandra Faini.

Mettendo in fila alcuni numeri la situazione risulta ancora più chiara: nell'empolese mancano 4 dsga su 21 scuole. Altro tasto dolente: la carenza dei collaboratori scolastici.

I numeri per l'empolese non ci sono, ma Paola Pisano evidenzia: «I collaboratori scolastici sono sempre di meno rispetto alle esigenze delle scuole. E' la riforma Gelmini ad aver creato i problemi maggiori quando ha impedito con 8 miliardi di tagli la possibilità di sostituire il personale. Così i presidi finiscono sempre per chiedere le deroghe all'Ufficio scolastico regionale. Loro chiedono più collaboratori e l'Usr sistematicamente ne dà molti di meno». —