Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Multe non pagate per oltre 3 milioni, in partenza le cartelle esattoriali

Un vigile urbano impegnato nel controllo dei parcheggi a pagamento (foto d’archivio)

Sono 25mila le contravvenzioni non pagate nell’Unione Empolese Valdelsa In aumento i verbali: 51mila quelli dell’anno scorso  

EMPOLI. Aumentano le multe elevate dalla polizia municipale nell'Empolese Valdelsa, ma gli incassi restano al palo. E così i Comuni sono costretti a recuperare gli importi non versati per violazioni del codice della strada attraverso ruoli coattivi. L'ultimo, approvato in questi giorni dalla giunta dell'Unione dei Comuni, è relativo al 2015 e ammonta a oltre 3 milioni e mezzo di euro per un totale di oltre 25mila sanzioni non saldate dai destinatari dei provvedimenti. Un monte di evasione ad ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

EMPOLI. Aumentano le multe elevate dalla polizia municipale nell'Empolese Valdelsa, ma gli incassi restano al palo. E così i Comuni sono costretti a recuperare gli importi non versati per violazioni del codice della strada attraverso ruoli coattivi. L'ultimo, approvato in questi giorni dalla giunta dell'Unione dei Comuni, è relativo al 2015 e ammonta a oltre 3 milioni e mezzo di euro per un totale di oltre 25mila sanzioni non saldate dai destinatari dei provvedimenti. Un monte di evasione addirittura più alto rispetto a quello portato alla luce l'anno precedente, quando il ruolo si fermò – si fa per dire - a tre milioni di euro. E per il quale partiranno a breve le notifiche dell'Agenzia delle Entrate riscossione, a cui è stato trasmesso il ruolo. Il tutto mentre, come dicevamo, aumentano i verbali staccati dagli agenti della municipale sul territorio. L'ultimo dato, che fa riferimento allo scorso anno, parla di 51.274 multe elevate agli automobilisti del circondario. Ovvero quasi seimila in più rispetto al 2016, quando ne furono comminate 45.562 con un balzo del 12,5%. E ad aumentare sono anche gli importi accertati che derivano da questo fiume di sanzioni: tra il 2016 e il 2017, infatti, siamo passati da 4 milioni e 200mila euro a 5 milioni e 300mila euro. Soldi che, però, solo in minima parte entrano nelle casse degli enti locali.

Da questo punto di vista il Comune con il più alto monte di evasione è Empoli, seguito a stretto giro da Montelupo e Fucecchio. Nel primo le sanzioni non pagate sfiorano il milione di euro: 966mila euro nel solo 2015. Qui, peraltro, le multe sono in netto aumento (oltre mille verbali in più a cavallo degli ultimi due anni), ma ancora di più è salito l'importo accertato. Anzi, è quasi raddoppiato: da 690mila euro a 1 milione e 350mila euro, frutto dell'installazione e dell'attivazione dei photored ai semafori in corrispondenza di via Curtatone e Montanara e via Giovanni da Empoli e a quelli installati nelle frazioni lungo la 429. Invece a Montelupo, altro territorio nel quale si concentra un picco di rilevazioni grazie ai due autovelox posti lungo la statale 67, l'importo messo a ruolo dall'Unione è stato di 800mila euro. Mentre a Fucecchio l'evasione sul fronte delle sanzioni per violazione al codice della strada ha raggiunto un ammontare di 778mila euro. Gli importi dei ruoli approvati pochi giorni fa dall'ente di piazza della Vittoria sono nettamente più bassi negli altri Comuni, dove però è minore anche il numero di contravvenzioni fatte dai dispositivi elettronici installati sulle strade o direttamente dagli agenti della polizia municipale.

A Castelfiorentino, dove gli occhi elettronici alle intersezioni semaforiche sono accesi ormai da diversi anni, l'evasione degli automobilisti ha raggiunto quota 358mila euro. Poco più di quanto accertato a Vinci: nel comune del Genio, infatti, il monte di sanzioni non pagate è arrivato a 295mila euro. A Cerreto, invece, ci si è fermati a 183mila euro e a Certaldo a quota 151mila euro. Montespertoli e Capraia e Limite hanno totalizzato uno “scoperto” simile: poco più di 47mila euro. E lo stesso è successo anche a Gambassi e Montaione, dove si è arrivati a oltre 12mila euro. Nel complesso il ruolo approvato dall'Unione ammonta, quindi, a 3 milioni e 659mila euro. Tuttavia, recuperare le somme evase – al pari di farle pagare in prima istanza – è un compito arduo, che le stime dicono riesca solo in una minima parte, addirittura in poco più del 10% dei casi. —