Quotidiani locali

certaldo alto 

Bufera sulla Sagra per gli spazi concessi alla festa di LeU

Revocato il patrocinio del Comune alla manifestazione dedicata alla cipolla Il Pd attacca: «Le strutture sono nostre, non c’è posto per altre attività politiche»  

CERTALDO

La sagra della cipolla di Certaldo, in corso nel borgo medievale, non gode più del patrocinio del Comune. La decisione è arrivata in quanto tale manifestazione ha annunciato solo successivamente al programma iniziale che ospiterà dal 5 settembre fino al 9 la festa del partito politico Liberi e Uguali, cambiando totalmente la sua natura di promozione di un prodotto del territorio. Una decisione che ha costretto la giunta a revocare il patrocinio, mentre il Pd parte all’attacco, in quanto le strutture che utilizza il consorzio della sagra della cipolla, sono state concesse dal Partito Democratico come tutti gli anni gratuitamente agli agricoltori ma con accordi ben precisi: «Il 3 settembre noi andremo a smontare i manufatti e riprenderci ciò che è nostro, basta con questi giochini» tuonano dalla segreteria.

Dal 2013 ad oggi fra il Pd e la sagra della cipolla di Certaldo, c’è una collaborazione rivolta alla promozione di una eccellenza del territorio. Un marchio, quello della cipolla, in mano all’Asev, e che vede a Certaldo un consorzio di agricoltori coltivare questa eccellenza per promuoverla.

La festa, come da accordi, era stata programmata inizialmente dal 23 agosto al 2 settembre e il Pd di Certaldo aveva messo a disposizione gratuitamente i suoi manufatti e l’aggancio alle utenze fino a quella data. Pochi giorni prima infatti si è conclusa la Festa dell'Unità. Il Comune intanto si muoveva per approvare la richiesta di patrocinio di una sagra che si arricchisce di numerosi eventi che richiamano nel borgo alto molte persone dall’Empolese Valdelsa.

L’ultima telefonata intercorsa fra il Pd e il consorzio c’è stata il 22 agosto: «Abbiamo semplicemente ribadito il fatto che il 2 settembre ci saremmo recati nel borgo alto per riprendere le nostre strutture ma da quella data, non abbiamo avuto più alcun contatto - spiega Lorenzo Calvetti a nome della segreteria del Pd - Siamo rammaricati del fatto che il consorzio, di cui abbiamo sempre apprezzato l’operato, svolga attività politica all’interno della propria manifestazione. Nel rispetto di tutti i consorziati ed in attesa di un confronto, continuiamo a mettere a disposizione le nostre attrezzature limitatamente all’attività di promozione dei prodotti locali, diffidandone però dall’utilizzo con finalità politiche. LeU, nel rispetto dei regolamenti è libera di effettuare le proprie attività e manifestazioni, utilizzando ovviamente le sue risorse e non le nostre”. Poi l 24 agosto il Comune, con una delibera di giunta,

interviene su questo evento, revocando il patrocinio, dopo aver ricevuto una lettera dal presidente del consorzio produttori agricoli, dove si richiedeva di poter prolungare l'utilizzo del suolo pubblico fino a domenica 9 settembre per poter ospitare la festa di Liberi e Uguali. —

TrovaRistorante

a Empoli Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro