Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Empoli è tra le capitali dei ricchissimi, in aumento i redditi da oltre 120mila euro

L'Agenzia delle entrate a Empoli (foto d'archivio)

Il nostro comune è nei primi dieci in Toscana, i soldi crescono ma vengono distribuiti sempre di più nelle fasce alte

EMPOLI. C'è la conferma che Empoli è una delle capitali toscane dei ricchissimi. Nella città del ciuco volante risiedono più contribuenti d'oro che in molti capoluoghi di provincia della Regione e continuano ad aumentare, così come cresce la ricchezza che si spartiscono. In un anno – il confronto è tra le dichiarazioni dei redditi 2016 con quelle del 2017 – il balzo è stato di oltre trenta persone che dichiarano più di 120mila euro annui. Mentre il tesoretto che si sono intascate è passato d ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

EMPOLI. C'è la conferma che Empoli è una delle capitali toscane dei ricchissimi. Nella città del ciuco volante risiedono più contribuenti d'oro che in molti capoluoghi di provincia della Regione e continuano ad aumentare, così come cresce la ricchezza che si spartiscono. In un anno – il confronto è tra le dichiarazioni dei redditi 2016 con quelle del 2017 – il balzo è stato di oltre trenta persone che dichiarano più di 120mila euro annui. Mentre il tesoretto che si sono intascate è passato da poco meno di 60 milioni di euro a oltre 70 milioni di euro. Un trend che, seppure alcune eccezioni, rispecchia quanto accade nel circondario.

CRESCE LA RICCHEZZA. Nell'Empolese Valdelsa, infatti, la crescita dei ricchissimi è stata di 66 contribuenti, da 739 a 805. Mentre il patrimonio complessivo accumulato in un anno è salito da 160 milioni di euro a poco meno di 190 milioni di euro. Il 7,7% dell'intera ricchezza prodotta nel territorio degli undici comuni lo scorso anno, insomma, è finita nelle tasche dello 0,65% della popolazione con un reddito. L'anno precedente il saldo era stato inferiore: quanto accumulato dai contribuenti d'oro rappresentava il 6,3% del totale. Dati che indicano un andamento ben preciso, documentato nel tempo e apparentemente irreversibile. E cioè che la ricchezza aumenta, ma è redistribuita sempre peggio tra chi ha molto e chi ha poco (come mostriamo anche nel box a fianco).
EMPOLI AL TOP. La locomotiva di questo fenomeno, come accennato, è proprio il comune capofila. Empoli, infatti, rimane nella top ten delle città toscane per il rapporto tra super ricchi e popolazione residente, scalzando realtà più grandi come Livorno, Pistoia, Grosseto, Carrara e addirittura capitali come Viareggio. Un risultato che testimonia la tenuta del tessuto imprenditoriale locale, nonostante anni di crisi che hanno falcidiato aziende e posti di lavoro.
Qui nel 2016 coloro che avevano dichiarato un'entrata superiore ai 120mila euro erano 254. Mentre lo scorso anno ben 286. Ciascuno di loro ha incassato un reddito di oltre 30mila euro superiore rispetto all'anno precedente: da 215mila euro a 248mila euro, frutto di un incremento della ricchezza totale prodotta in città dalla fascia più abbiente della popolazione di oltre dieci milioni di euro.
RICCHI PIÙ RICCHI. Ma a sorridere non sono solo i contribuenti empolesi. Nel complesso i residenti con redditi alti nell'Empolese Valdelsa hanno incassato in media 234mila euro nel 2017, mentre nel 2016 si erano spartiti poco più di 216mila euro: 18mila euro in più in un anno, ovvero una crescita del reddito dell'8,5%. Il boom della ricchezza tra i contribuenti d'oro è un unicum nel circondario, visto che nelle altre fasce di reddito gli importi salgono ma di pochissimo. Nella più bassa – reddito inferiore ai 10mila euro - l'aumento dell'imponibile è stato dello 0,5%, dello 0,4% nella fascia tra 10mila e 15mila euro. E salendo non va meglio: +0,2% tra 15mila e 26mila euro, +0,1% tra 26mila e 55mila euro, +0,4% tra 55mila e 75mila euro e +0,2% tra 75mila e 120mila euro.
DOVE DIMINUISCONO. Non in tutti i comuni i ricchissimi sono aumentati rispetto all'anno precedente. A Limite, ad esempio, sono passati da 25 a 20 e l'imponibile medio in questa fascia rimane il più basso (174mila euro). Diminuiscono anche a Montelupo da 55 a 49, con un reddito medio sotto la soglia del circondario (213mila euro). Meno ricchi anche a Certaldo (da 30 a 29 e imponibile a 221mila euro) e a Fucecchio (da 134 a 131 e reddito a 223mila euro).
SORPRESA MONTAIONE. In questo comune nel 2016 nessuno aveva dichiarato più di 120mila euro, lo scorso anno sono stati 7 e il loro imponibile medio è il più alto di tutta l'area, addirittura 305mila euro. Ma l'aumento dei ricchissimi si è verificato anche a Vinci (+13), a Castelfiorentino e Cerreto (+11 in entrambi) e a Montespertoli (+7). Mentre a Gambassi sono rimasti gli stessi, 13. In tutti i comuni il reddito medio è stato più alto rispetto a quello dell'anno precedente.