Quotidiani locali

il ricordo 

Due Comuni presenti alla celebrazione per la strage di Bologna

CASTELFIORENTINOUna castellana (Verdiana Bivona 22 anni) e due montespertolesi (Maria e Angela Fresu, di 24 e 3 anni) furono tra le 85 vittime della bomba scoppiata alla stazione il 2 agosto 1980.Un...

CASTELFIORENTINO

Una castellana (Verdiana Bivona 22 anni) e due montespertolesi (Maria e Angela Fresu, di 24 e 3 anni) furono tra le 85 vittime della bomba scoppiata alla stazione il 2 agosto 1980.Un ricordo ancora vivo. Un dolore che per i familiari delle vittime è ancora lo stesso. Ma i morti non si dimenticano. Devono anzi rappresentare un monito per ribadire con fermezza un No netto al terrorismo, di qualsiasi colore e matrice. E' con questo spirito che i Comuni di Castelfiorentino e Montespertoli invieranno oggi a Bologna una delegazione istituzionale per partecipare alle celebrazioni in ricordo della terribile strage avvenuta alla stazione ferroviaria il 2 agosto 1980, dove trovarono la morte 85 persone.

In rappresentanza del Comune di Montespertoli parteciperà il sindaco, Giulio Mangani, mentre per il Comune di Castelfiorentino sarà presente Sandra Niccolai (consigliere comunale).

La presenza in forma ufficiale dei due Comuni, con il gonfalone, è motivata dalla volontà di rendere omaggio alla memoria di tre concittadine (una di Castelfiorentino, due di Montespertoli) che persero la vita in quel vile attentato: Verdiana Bivona, di anni 22 (all'epoca residente a Castelfiorentino, a Vallecchio) Maria Fresu (anni 24) e la figlia Angela (tre anni, la vittima più giovane della strage di Bologna)

queste ultime di Montespertoli. Verdiana Bivona e Maria Fresu erano amiche: insieme stavano recandosi in vacanza sul lago di Garda in compagnia di Silvana Ancilotti, anche lei di Castelfiorentino (abitava all'epoca nella frazione di Cambiano), che rimase ferita. —



TrovaRistorante

a Empoli Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro