Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

C'è il “concorsone” dei tecnici, sospesi i prelievi del sangue

Il cartello che avverte i cittadini dello stop ai prelievi affisso nel distretto di via Rozzalupi a Empoli

Sessanta dipendenti impegnati nella prova che vale la stabilizzazione, mercoledì 18 luglio il servizio sarà interrotto anche in tutte le sedi dell’Empolese Valdelsa 

EMPOLI. Prelievi sospesi per… concorso. È quanto accadrà mercoledì 18 luglio in tutta l’Asl Toscana Centro, dove sarà sospesa l’attività di prelievo di sangue per pazienti esterni in tutte le strutture aziendali, con una serie di limitazioni e la garanzia solo per quelli urgenti e non rimandabili. Questo “a causa” di un concorso pubblico per la stabilizzazione di tecnici di laboratorio di tutte le macro Asl toscane e di tutte le aziende ospedaliere.

Solo nell’Asl Toscana Centro, infatti, saranno coinvolti circa 60 tecnici, che prenderanno parte al “concorsone” con prova scritta e pratica (orale a settembre). Il concorso si terrà ad Arezzo, con 1091 candidati.

Ma quali ricadute avrà il concorso sul territorio dell’ex Asl 11? L’attività di prelievo di sangue per pazienti esterni è sospesa in alcuni punti prelievo territoriali delle zone Empolese, Valdelsa e Valdarno. Il servizio sarà garantito in tre sedi prelievo ma solo per gli urgenti non differibili: nello specifico per la zona empolese sarà aperto il punto prelievo del presidio sanitario di Empoli, via Rozzalupi 57; per la zona Valdelsa, la sede prelievo ospedale Castelfiorentino, via dei Mille 1; per la zona Valdarno il punto prelievo del presidio sanitario di Castelfranco di Sotto, viale 2 giugno 37 (mentre il punto prelievi del San Pietro Igneo di Fucecchio non sarà in servizio per le funzioni “ordinarie”).

Sarà comunque garantita in tutte le sedi dei laboratori ospedalieri aziendali, l’attività interna in urgenza e quella per i ricoveri. Negli stretti distretti sanitari, come a Rozzalupi ad Empoli, il personale ha affisso degli avvisi per informare la popolazione di questo “inconveniente”.

Così come è stata inibita la possibilità di prenotare gli esami di laboratorio nella giornata di mercoledì 18 luglio, proprio perché non c’è il personale preposto. È la prima volta che Estar gestisce il maxi concorso in maniera “unificata”, cioè per tutte le strutture di riferimento della Toscana (aziende sanitarie e aziende ospedaliere).

Un concorso importante per chi vuole trovare una stabilizzazione e che per questo ha trovato l’adesione di oltre 1000 partecipanti, che nei prossimi giorni avranno i risultati della prima fase del concorso; dopo la prima scrematura, infatti, ci sarà l’orale a settembre, che porterà alla formazione della graduatoria e all’assunzione di un numero cospicuo di tecnici di laboratorio in tutta la Toscana nel giro dei prossimi anni.

Un maxi concorso che, volente o nolente, si porta dietro dei disagi inevitabili. —