Quotidiani locali

l’evento 

Osservatorio aperto e un cittadino illustre Così a Montelupo la festa diventa doppia

Piero Angela mantiene la promessa e inaugura la struttura del Gruppo astrofili, ad accoglierlo sindaco e ammiratori

MONTELUPO

Sabato 14 luglio è una giornata importante e ricca d’emozioni per Montelupo Fiorentino. La città della ceramica inaugura l’Osservatorio astronomico “Beppe Forti”, progetto nel cuore degli amatori del cielo da circa 25 anni. La realizzazione di un sogno, patrocinato fin dalla sua nascita dal più illustre divulgatore scientifico italiano, Piero Angela. Volto noto della televisione da 66 anni, giornalista e uomo di scienza, il torinese è da oggi cittadino onorario di Montelupo.

Un grande onore per la città che lo accoglie con calore, esprimendo attraverso le parole del sindaco, Paolo Masetti, un affetto sincero: «Quello che vorremmo far capire a Piero è che gli vogliamo davvero bene, per il lavoro che ha fatto e per il lavoro che continua a fare con grande maestria». Al divulgatore di cultura e di scienza viene consegnata una targa in ceramica in ricordo di questa giornata. Un momento di grande emozione anche per Maura Tombelli, astronoma montelupina che nel 1994 ha scoperto insieme ad Andrea Boattini l’asteroide che qualche anno dopo sarà chiamato proprio Piero Angela.

Dalla scoperta di questo asteroide nasce l’associazione il Gruppo astrofili di Montelupo (Gram), di cui oggi Maura Tombelli è presidente. Nel tempo la comunità degli amanti del cielo è diventata sempre più importante, tanto da iniziare a pensare alla costruzione di un osservatorio. Nel 2003 è stata posta la prima pietra, e anche allora Angela era presente. «Era il 29 marzo del 2003, mi promise che l’inaugurazione ci sarebbe stato ed eccolo qua», racconta Tombelli.

La storia dell’osservatorio è una storia di promesse mantenute, quella di Piero Angela, ma anche quella del sindaco che aveva assicurato alla onlus che entro la fine del suo mandato l’edificio avrebbe avuto la sua cupola. La cui posa, nel 2017, è stata l’ultima importante tappa della costruzione. Ma è anche una storia di volontari determinati, come ricorda nelle sue parole di elogio lo studioso e divulgatore tv: «Ho sempre ammirato tantissimo gli astrofili, queste persone innamorate di quello che esiste nel cielo e che fanno tanti sacrifici per costruire il loro osservatorio».

Non mancano i ringraziamenti all’amministrazione comunale, che ha sempre sostenuto il progetto, e a tutti i privati che con piccole e grandi donazioni hanno contribuito alla realizzazione. Uno in particolare è rivolto a Roberto Drighi, che ci ha creduto e ha dato il terreno su cui edificarlo.

Fa caldo, in questa mattina di luglio tra le colline di San Vito, e in più di 100 persone riempiamo la sala didattica della struttura. C’è solo un ventilatore, eppure sembra che nessuno si accorga dell’afa. Tutti, dai bambini ai più anziani, ascoltano rapiti Piero Angela che parla dell’universo, delle stelle, dell’eco del big bang, dei movimenti delle galassie, della materia e dell’antimateria, con la semplicità e la naturalezza conosciute, attraverso un linguaggio comprensibile a tutti. Nonostante i suoi 90 anni “l’uomo che ha portato la scienza nelle case degli italiani” rapisce gli ascoltatori con astronomia, aneddoti e ironia.

È cosi che nasce ufficialmente l’Osservatorio di Montelupo Fiorentino, con le parole di un grande uomo che con la città ha da tempo un legame speciale. Il taglio del nastro con un Piero Angela sorridente tra la scienziata che gli ha dedicato un asteroide e il primo cittadino della sua nuova città. «Complimenti a Maura e a tutti gli astrofili per tutto l’impegno profuso in questo progetto – conclude – questo osservatorio

è piccolo, ma straordinario, perché fatto da amatori».

Manca solo un telescopio adatto alle potenzialità della struttura. E a questo punto è lecito aspettarsi, per il giorno in cui sarà installato, il ritorno del nuovo, illustre, cittadino onorario. —





TrovaRistorante

a Empoli Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro