Quotidiani locali

Vigili contro la sindaca di Empoli: "Gettato fango addosso" - Video

Agli agenti non sono andate giù le parole di Barnini sul nome del ciuco Urbano: "Superato il limite della decenza. E i suoi colleghi si dovevano dissociare"

L'intervista contestata della Barnini Le dichiarazioni rilasciarte dalle sindaca di Empoli all'emittente 50 Canale in occasione del "Volo del ciuco" con il nome scelto (Urbano) che ha fatto arrabbiare i sindacati della Municipale dell'Unione

EMPOLI. La risposta è arrivata dopo 10 giorni, ma è molto dura. Il tema è quello del nome del ciuco “Urbano”(durante il classico volo in piazza Farinata), che non è piaciuto a molti e che è costato tantissime critiche alla sindaca di Empoli Brenda Barnini per alcune sue affermazioni.

Ora è arrivata la netta presa di posizione dalla Rsu della municipale: «Prendiamo atto con sconcerto delle dichiarazioni fatte a una tv locale (50 Canale, ndr) della presidente dell’Unione, nonché sindaca di Empoli Brenda Barnini, alla quale, con malcelata soddisfazione, non è parso vero gettare impropriamente fango su una categoria, quella della polizia municipale, verso la quale non ha mai mostrato, negli ultimi anni, alcuna disponibilità. L’ironia, spesso utile, della vicenda non sta tanto nell’aver chiamato “Urbano” il ciuco, quanto nell’aver individuato nella municipale la parte che, in base ai criteri di nomina, “ha recato nocumento all’amministrazione comunale”, e quindi da buttar giù dal campanile, dimenticando tutte le posizioni che sia Barnini stessa che l’assessore delegato Alessio Spinelli, hanno preso pubblicamente e che pubblicamente sono state sconfessate dai fatti».

leggi anche:

Poi la Rsu passa agli impegni – secondo loro – non rispettati: «Vogliamo rammentare le accuse di “resistenza al trasferimento” mosse dai vari sindaci dell’unione contro di noi quando i lavoratori chiedevano soltanto garanzie sul funzionamento dell’Unione, sulla creazione degli uffici trasversali e sulle assunzioni di personale? La struttura dell’ente non esiste e nessuna assunzione promessa è stata fatta». Infine i toni degli agenti si fanno ancora più duri: «Ascoltare la sindaca di Empoli che risponde alla televisione, ridendo compiaciuta, dicendo che ci siamo meritati questo accostamento è di una bassezza indicibile; come lo è sentire la stessa, che dopo qualche giorno ritratta tutto, forse resasi conto della “leggerezza”. Quale dipendente accetterebbe un tale accostamento? Qui si va ben oltre, il limite della decenza è stato superato, il sindaco ha voluto umiliare e denigrare una categoria di lavoratori ingiustificatamente. Riteniamo che nessun dipendente e onesto lavoratore si debba meritare un tale accostamento, tanto meno chi esercita funzioni di polizia giudiziaria e non solo. Inevitabile poi non dover ringraziare gli altri dieci sindaci dell’Unione: nessuno di loro si è dissociato da tale atto come sempre fatto in assenza di contraddittorio»

I COMMENTI DEI LETTORI

TrovaRistorante

a Empoli Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Premio ilmioesordio, invia il tuo libro