Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Il pullman, la folla: così la piazza s’illumina d’azzurro - Video

L'Empoli in serie A: il viaggio della gloria “scortato” dai gruppi ultrà L’abbraccio fra la squadra e il suo popolo

L'Empoli in A: la grande festa in città con il pullman degli azzurri

EMPOLI. L’apoteosi esplode dopo le 23. È iniziata da tempo, a dire il vero, e una delle immagini da conservare fra i ricordi più belli è quella della coreografia che la Maratona ha regalato alla squadra e non solo ad inizio partite: l’azzurro e il bianco ovunque, la scritta “sosteniamo la squadra più forte che il mondo ha visto mai”. Un ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

L'Empoli in A: la grande festa in città con il pullman degli azzurri

EMPOLI. L’apoteosi esplode dopo le 23. È iniziata da tempo, a dire il vero, e una delle immagini da conservare fra i ricordi più belli è quella della coreografia che la Maratona ha regalato alla squadra e non solo ad inizio partite: l’azzurro e il bianco ovunque, la scritta “sosteniamo la squadra più forte che il mondo ha visto mai”. Uno spettacolo.

Come la premiazione, alla fine. Col popolo azzurro che conferma non solo di essere appassionato, ma disciplinato. Non c’è invasione, solo festa. E il bello viene dopo.


La squadra, intorno alle 23,30, raggiunge il pullman scoperto per buttarsi, con la coppa, nel cuore della città. Ad aspettarli ci sono proprio i gruppi ultrà, che hanno deciso di scortare la squadra fino a piazza della Vittoria. È un viaggio breve, come distanze, ma diventa lunghissimo. Perché nel frattempo tifosi e sportivi non solo hanno aspettato la squadra, ma si sono pure fatti avanti. Come il torpedone del trionfo imbocca via Pievano Rolando l’apoteosi diventa totale.

Tutti vogliono salutare i giocatori, tutti vogliono scattare una foto. Il pullman, così, procede praticamente a passo d’uomo e molto lentamente per le strade. Ma è tutto bello, bellissimo. L’entusiasmo è traboccante, coinvolgente. In piazza e per le strade ci sono almeno tre diverse generazioni di tifosi, a partire dai giovanissimi. Radio Lady intrattiene con la sua musica, ma dall’arrivo della squadra in poi non si sente altro che cori, trombette che suonano.

È la cronaca di una notta magica, della notte dell’Empoli e di Empoli. Perché il popolo azzurro si è dimostrato all’altezza di una squadra fantastica. Insupoerabile.

Ma non è finita. Già, perché in realtà di feste ce ne sarà un’altra, questa sera. Ma privata, molto privata. Di quelle dove imbucarsi è praticamente impossibile. Succederà nella villa del presidente Fabrizio Corsi, sulla collina di Monteboro, dove tutti gli azzurri saranno ospiti del massimo dirigente per una cena esclusivamente a tinte azzurre. Invitati sono i giocatori, lo staff tecnico, i medici e tutti quanti ruotano attorno al mondo Empoli. L’ultimo atto di una stagione che resterà a lungo nelle menti e nei cuori di tutti. Una stagione straordinaria. Anzi, straordinariA.