Quotidiani locali

"Mi hanno rapinato in piazza", ma mente: denunciato

L'uomo, 48 anni, aveva detto ai carabinieri di essere stato aggredito da un uomo col coltello però si era inventato tutto perché non riusciva a pagare i debiti 

FUCECCHIO. I carabinieri della stazione di Fucecchio hanno denunciato un uomo di 48 anni, di Fucecchio, per simulazione di reato. L’uomo nella mattinata di martedì 15 maggio era presentato in caserma e aveva denunciato di essere stato poco prima rapinato in una piazza della città da un soggetto che, a suo dire, lo aveva minacciato con un coltello facendosi consegnare il portafoglio, contenente 1100 euro in contanti. Nello specifico aveva riferito che, mentre stava salendo in macchina, era stato aggredito alle spalle da un uomo, del quale non ricordava alcun particolare, che gli aveva puntato un coltello alla schiena. Impaurito aveva consegnato tutto quello che aveva e poi aveva raggiunto la caserma per denunciare quanto accaduto.

Ai carabinieri, fin da subito, la versione data dall’uomo è sembrata  molto lacunosa ed improbabile. Infatti dopo aver ripercorso la strada fatta dalla “vittima”, grazie anche ad alcune telecamere presenti in zona, hanno capito che la rapina non c’era mai stata. Un controllo all’autovettura

ha permesso di rinvenire anche il portafoglio, occultato nel vano della ruota di scorta. A quel punto il finto rapinato non ha potuto far altro che confessare, dicendo che aveva inventato tutto ammettendo difficoltà economiche e l’impossibilità di far fronte ad alcuni impegni assunti.

I COMMENTI DEI LETTORI

TrovaRistorante

a Empoli Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro