Quotidiani locali

Svastica e proiettili alla sindaca di Empoli: "Ti uccidiamo" - Video

Recapitata a Barnini una pagina del Tirreno sulla medaglia d'oro concessa alla città per la Resistenza, con il simbolo nazista

EMPOLI. La sindaca di Empoli, Brenda Barnini, minacciata di morte. "Ieri - ha scritto in un post su facebook - mi sono vista recapitare in Comune una busta contenente questa pagina. È un articolo pubblicato sul Tirreno domenica scorsa. Qualcuno lo ha fotocopiato, ha aggiunto una svastica ed una minaccia di morte e attaccato sopra alla pagina due proiettili. La nuova destra fascista, il populismo xenofobo, le forze politiche che seminano odio e rancore. Dietro al gesto di un soggetto che ha pensato di mandarmi questo messaggio c'è tutto questo. Non è solo una questione di responsabilità individuale, non si dica che è solo un matto. C'è un sistema che incoraggia e sostiene queste idee e cerca di trarne consenso elettorale. Non è accettabile!".

VIDEO - La sindaca minacciata: "Non è un attacco a me, ma al sistema democratico"

Sindaca di Empoli minacciata: “Non è un attacco a me, ma al sistema democratico” Una pagina fotocopiata del giornale Il Tirreno con un foglio attaccato con alcune minacce esplicite: “Preferisci i negri ai tuoi cittadini. Ti uccidiamo”. “In questo paese non si può abbassare la guardia sulla questione dell’antifascismo”, ha dichiarato Brenda Barnini intervistata

Nella pagina, oltre ai due proiettili e alla svastica, c'è anche un messaggio: "Serva di Mugnaini, serva di Multicoins (in realtà Multicons, ndr) e corrotta. Preferisci i negri a i tuoi cittadini. Ti ammazziamo".

Dura replica della sindaca: "Sull'accusa che mi viene mossa nel messaggio. In questi anni di mandato amministrativo non ho mai concesso udienza né in pubblico né in privato al signor Mugnaini. Empoli è capitale morale dell'antifascismo e da ieri anche medaglia d'oro al merito civile per il contributo dato nella Resistenza e nella guerra di Liberazione. Non mi fate paura perché la mia città è più forte della vostra ignoranza".

leggi anche:

LE REAZIONI

“Voglio esprimere tutta la mia solidarietà al nostro sindaco e alla mia amica Brenda. La città - sottolinea il segretario del Pd di Empoli, Jacopo Mazzantini - si stringa attorno al suo sindaco. Dobbiamo tutti prendere consapevolezza che questi atti vili e infami sono il risultato di un sistema che diffonde odio e rancore nella società verso la politica, incoraggiato dalla nuova destra fascista e dal populismo xenofobo. Non dobbiamo sottovalutare questo ennesimo rigurgito; molti ormai sono gli episodi che negli ultimi tempi hanno colpito la nostra comunità: qui a Empoli lo sfregio al monumento della ex vetreria Taddei che ricorda le deportazioni di empolesi ai campi di concentramento l’8 marzo 1944, il precedente del disegno con l'impiccato sempre contro il sindaco Barnini; gli attacchi alle redazioni di Repubblica e l’Espresso; il blitz di alcuni naziskin all’associazione Como senza frontiere durante una riunione operativa; la marcia indisturbata fascista di Casa Pound per le vie di Roma. Troppi ormai gli atti sfrontati e intimidatori fomentati anche da chi, nelle istituzioni e nella politica, dovrebbe scoraggiare tali comportamenti. Noi non ci stiamo e saremo sempre portatori di valori sani e imprescindibili della Resistenza. Empoli è e resterà sempre antifascista!”.

Dario Parrini, segretario Pd Toscana, in merito alle minacce ricevute dalla sindaca di Empoli Brenda Barnini: “Un atto intollerabile sul quale deve essere fatta piena luce, minacce gravissime, che rappresentano un insulto alla nostra storia e alla nostra comunità. A Brenda e a Empoli la più totale solidarietà e massima fermezza contro i vigliacchi autori di questo gesto ignobile e fascista”.

Piena solidarietà di Confesercenti Empoli e Associazione centro storico alla sindaca: "Siamo convinti - recita una nota congiunta delle due associazioni - che la comunità di Empoli saprà reagire con forza a questi atti di intimidazione criminale che niente hanno a che vedere con la storia del nostro territorio e che condanniamo con forza e risolutezza. Confidiamo siano comunque individuati quanto prima gli autori di un fatto di gravità inaudita per la città".

Solidarietà a Barnini anche da Jacopo Alberti, consigliere regionale della Lega: "Ovviamente le idee politiche ci dividono ma la grave intimidazione fatta recapitare al Sindaco di Empoli è assolutamente da stigmatizzare. Un episodio inqualificabile - prosegue il consigliere- che, lo ribadiamo, condanniamo con fermezza, auspicando che le forze dell’ordine riescano, quanto prima, a rintracciare l’autore di questo insano gesto.Tali proditori attacchi alle Istituzioni -non devono minimamente minare l’operato di un primo cittadino che, pur lontano dalle nostre visioni, è stato democraticamente eletto dagli empolesi".

“Esprimiamo la nostra solidarietà e vicinanza alla sindaca di Empoli Brenda Barnini, bersaglio di un atto vile e deprecabile” così i consiglieri regionali del Movimento 5 Stelle in una nota: "La condanna di qualunque atto di violenza, di minaccia, di intimidazione è nel Dna della nostra Costituzione antifascista. Tutti quanti siamo chiamati a difendere questi principi, indispensabili alla garanzia della dialettica democratica" concludono i Cinque Stelle.

I COMMENTI DEI LETTORI

TrovaRistorante

a Empoli Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro