Quotidiani locali

il flop

Cancellato il “Giro goloso”, Empoli perde un altro evento

La novità Antiquaria (poi saltata) aveva messo in dubbio data e location di una kermesse che per sei anni ha fatto il pienone in piazza dei Leoni

EMPOLI. Un passo falso dopo l’altro. Prima Antiquaria, sbandierata la scorsa estate come nuovo evento per il centro e poi naufragato prima ancora di partire (se ne riparlerà, forse, nel 2018). Ora “Giro goloso”. Che quest’anno, dopo sei edizioni che hanno puntualmente fatto il pieno e raccolto consensi tra espositori e visitatori, non si farà. Domenica non ci sarà l’ormai consueto appuntamento con la kermesse dedicata alle pasticcerie locali e alle piccole aziende artigianali toscane, tra cantuccini, brigidini, cialde, confetti e tanto cioccolato, che richiamavano migliaia di persone nelle tensostrutture di piazza Farinata degli Uberti.

L’evento era organizzata dalla società Exponent di Francesca Parri, con il supporto del Comune di Empoli. Il meccanismo era ormai rodato, e l’appuntamento sembrava aver trovato la sua collocazione tradizionale nella quarta domenica di novembre: una sorta di trampolino di lancio per gli eventi e lo shopping natalizio. Ma qualcosa è andato storto. I problemi sono iniziati con la (mancata) new-entry Antiquaria, presentata nell’estate scorsa da Confesercenti, Associazione centro storico e Comune: decine di espositori avrebbero dovuto invadere il cuore della città ogni quarta domenica del mese, con un’unica pausa, a dicembre. Tutto questo in piazza Farinata degli Uberti (storica location di Giro goloso) e piazza Lavagnini - una strada in cerca di rilancio, caratterizzata dall’enorme quantità di fondi sfitti - con 30 banchi con oggetti, mobili e altra merce ricercata e di qualità in vendita per tutto il giorno.

Dunque la kermesse dedicata alla tradizione pasticcera, avrebbe dovuto traslocare (l’ipotesi più plausibile era quella di piazza della Vittoria, dove dal prossimo weekend tornerà la pista di ghiaccio), oppure cambiare data. Un’operazione, quest’ultima, tutt’altro che agevole, anche perché il mese di dicembre per gli artigiani è già abbastanza saturo. Il rischio era di dover ricorrere ad altri espositori, probabilmente di livello inferiore, quando invece l’alta qualità era proprio il marchio di fabbrica di Giro goloso. Che alla fine è saltato: «È stata una mia decisione – spiega Parri – presa a malincuore. Non c’erano le condizioni per organizzare una kermesse di qualità, che può essere garantita soltanto dalla partecipazione di aziende importanti. Spero di riproporlo nel 2018».

Magari partendo da una data e una location certe in largo anticipo, già nel mese di giugno, come avviene solitamente per questo tipo di manifestazioni. Intanto però, almeno per quest’anno, i golosi resteranno delusi.

Tuttavia l’assessore comunale Antonio Ponzo Pellegrini, puntualizza: «Stiamo parlando di due progetti promossi da privati: Confesercenti per Antiquaria ed Exponent per Giro Goloso. Per il mercato dell’antiquariato, già a settembre ci si è resi conto che gli espositori erano pochi (una dozzina rispetto ai trenta necessari per far decollare l’evento, ndr), e così l’associazione ha deciso di farlo slittare al prossimo anno, in modo da rivedere il format. Penso comunque

che le due manifestazioni avrebbero potuto coesistere e che piazza della Vittoria sarebbe stata una buona location per il Giro goloso, ma la società organizzatrice ha fatto un’altra scelta, frutto delle sue valutazioni. Da ora a Natale ci saranno comunque tante altre iniziative in centro».

I COMMENTI DEI LETTORI

TrovaRistorante

a Empoli Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro