Quotidiani locali

Ragazza aggredita, la 17enne potrebbe tornare di notte là dove è iniziato il suo incubo

Montelupo, si fa strada l'ipotesi di un sopralluogo al parco dove l'adolescente fu trovata il 14 ottobre in una pozza di sangue. L'esperimento per far riaffiorare la memoria

MONTELUPO. Una prova per farle tornare qualche ricordo di quella maledettissima notte. Un tentativo per dare un volto a chi l’ha aggredita brutalmente nel parco vicino alla villa medicea dell’Ambrogiana tra venerdì e la mattina di sabato 14 ottobre. E che ancora non ha un’identità. La vittima, una ragazza di 17 anni che abita a Fucecchio, ha un vuoto di memoria, a quanto spiegato da lei stessa, e ha parlato con gli investigatori dei momenti in cui era con gli amici in discoteca, al Jump (in una zona più decentrata del paese).

Trovata ferita in un parco: la ragazza aggredita e trascinata. La ricostruzione dei fatti Una ragazza di 17 anni è ricoverata all'ospedale di Empoli: è stata trovata in una pozza di sangue nel parco dell'Ambrogiana, a Montelupo. Cosa è successo? Ce lo spiega la nostra giornalista Lara Loreti (video Agenzia Carlo Sestini) - L'ARTICOLO

E, come raccontato dal padre a una trasmissione televisiva, ricorda solo alcuni frammenti temporali seguenti alla permanenza nel locale, mentre camminava nel parco e del buio che aveva intorno. Ora si sta facendo concreta l’ipotesi che il sostituto procuratore Alessandra Falcone, che coordina le indagini, disponga un sopralluogo nello stesso parco dove la ragazza venne trovata alle 7 di mattina di sabato 14, semicoperta dalle foglie, lungo il viale con tre ferite in testa e numerose abrasioni sul corpo, sul sedere e sui talloni perché la ragazza è stata trascinata per circa 150 metri sull’asfalto della strada (con una scia di sangue lasciata) per essere poi abbandonata accanto a un terrapieno della linea ferroviaria Firenze -Empoli.

I rilievi della scientifica al parco...
I rilievi della scientifica al parco dell'Ambrogiana (Foto Sestini)

Per la studentessa sarà un tornare indietro di un mese alla notte del venerdì, dalla discoteca Jump verso il centro di Montelupo dove la ragazza si era diretta, come hanno spiegato gli amici con i quali aveva trascorso la serata, dopo averli lasciati in seguito a un litigio avvenuto nel locale stesso. Doveva, sempre a quanto spiegato da loro, andare a prendere il treno. Ma il suo percorso si è interrotto a metà strada su questo viale.

Da qui il tentativo della procura di farla tornare indietro nel tempo con l’assistenza di una psichiatra, con la polizia del commissariato di Empoli e della squadra mobile di Firenze che seguono le indagini. Il sopralluogo, se dovesse essere disposto, sarà fissato in ore notturne per cercare di ricreare il più possibile le condizioni in cui la ragazza si è trovata quella mattina del 14 ottobre, dopo le 4,30, quando ha lasciato il locale.

Picchiata a 17 anni, il testimone: "Così ho ritrovato e soccorso quella ragazza" Il sangue, la paura, le foglie e un paio di scarpe da tennis: parla il testimone che è stato fra i primi a dare aiuto alla 17enne aggredita dopo una notte in discoteca e abbandonata in un parco (video agenzia Carlo Sestini) - L'ARTICOLO


La visita, però, da quanto emerge in ambito investigativo, se ritenuta d’interesse, potrà avvenire solo se si verificheranno le condizioni adatte per attuarla, cioè al di fuori del clamore mediatico suscitato, con varie troupe televisive presenti costantemente ancora nella zona. Dunque non è chiaro ancora se il sopralluogo verrà fatto e, nel caso, quando.

Su altri fronti, gli investigatori stanno ancora aspettando i risultati di alcuni referti biologici su cui però non sperano molto per arrivare all’identificazione di chi ha ridotto la ragazza in una condizione in cui anche il medico del 118, parente della studentessa, non la riconobbe tanto era il sangue che aveva perduto.

Altro elemento d’interesse per le indagini il suo cellulare che ancora non è stato ritrovato a differenza dello zaino che aveva, prima sparito e poi riapparso alla stazione di Montelupo (e riportato da un senzatetto). Anche sulle ultime telefonate fatte dalla ragazza ci sono aspetti contrastanti. Un suo amico ha mostrato un messaggio che lei avrebbe inviato alle 5 di mattina in cui dice “Tesoro, domani sarà morta”. Ma lei ha negato di averlo scritto. E questa è solo uno dei punti di una nottata in cui molte cose non tornano.
 

I COMMENTI DEI LETTORI

TrovaRistorante

a Empoli Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista