Quotidiani locali

Rapina e furto in 24 ore: inseguito e arrestato a Empoli

Prima picchia una donna per 10 euro, poi ruba uno zaino su un treno, bloccato dalla polfer alla stazione

EMPOLI. Picchia una donna per rubarle 10 euro, e viene denunciato. La mattina successiva il giudice dispone il foglio di via, ma prima ancora che gli venga notificato, lui ruba uno zaino a un’altra donna, su un treno. E così finisce in carcere. Il protagonista è un quarantacinquenne, originario della provincia di Potenza, ma residente a San Miniato, che frequenta abitualmente Empoli.

Prima è stato denunciato da una sua conoscente, perché l’aveva picchiata e derubata dell’unica banconota (da 10 euro) in suo possesso, con la cattiveria che caratterizza l’ambiente dei tossicodipendenti, dove i rapporti sono spesso regolati dalla violenza.

Gli agenti della polizia ferroviaria, una volta raccolta la denuncia della donna, lo hanno rintracciato in via Ridolfi a Empoli, all’angolo con piazza del Popolo, e denunciato per rapina: non hanno potuto arrestarlo poiché ormai era trascorsa la flagranza del reato.

Ma l’episodio ha comunque evidenziato la pericolosità sociale del soggetto, tanto che la polfer ha inoltrato una segnalazione al questore per ottenere l’emissione del provvedimento di foglio di via obbligatorio con divieto di ritorno dal comune di Empoli.

Ma il giorno dopo il 45enne torna in azione. Intorno alle ore 12,25, l’attenzione degli agenti guidati dal comandante Giovanni Augello, di pattuglia in stazione, viene attirata dal caos che si crea intorno a un treno regionale, diretto a Firenze, fermo in stazione. Nel frattempo un agente in servizio nella squadra di polizia giudiziaria compartimentale, sta inseguendo un uomo che si è dato alla fuga in direzione Pisa. Così entrano in azione anche loro, a sostegno del collega e, insieme a loro, riescono a bloccare il fuggitivo: a quel punto scoprono che si tratta del solito soggetto con il quale avevano avuto a che fare il giorno precedente. Il quarantacinquenne è in possesso di uno zaino da donna, appena rubato a bordo proprio del treno regionale ad una viaggiatrice. Gli agenti visionano le immagini riprese dal sistema a circuito chiuso, installato a bordo del convoglio, che mostrano il quarantacinquenne mentre – poco prima di arrivare alla stazione di Empoli – ruba il bagaglio approfittando del fatto che la proprietaria stava dormendo. La signora, quando la polizia ferroviaria le restituisce lo zaino, ringrazia con le lacrime agli occhi gli agenti, perché all’interno erano custodite piccole gioie di famiglia, tramandate da madre in figlia.

Per l’uomo finito in manette, invece, scatta la direttissima in tribunale
a Firenze: il giudice convalida l’arresto e – su richiesta di rito alternativo avanzata dal difensore dell’arrestato – procede con il giudizio abbreviato, nel quale condanna il quarantacinquenne alla pena sei mesi di reclusione, ordinandone l’immediato trasferimento in carcere.



I COMMENTI DEI LETTORI

TrovaRistorante

a Empoli Tutti i ristoranti »

Il mio libro

LE GUIDE DE ILMIOLIBRO

Corso gratuito di scrittura: come nascono le storie