Quotidiani locali

Mordono cinque persone, due cani “sequestrati”

Il Comune di Fucecchio li trasferisce in una struttura e ordina realizzazione di un recinto, polizza e visita comportamentale

FUCECCHIO. Hanno aggredito varie persone, alcune delle quali sono finite all’ospedale. Dopo l’ultimo episodio, con due uomini morsi nello stesso giorno, è scattata l’ordinanza del Comune di Fucecchio: i cani, di grossa taglia, sono stati affidati a un canile, a spese del proprietario, che per riaverli dovrà prendere una serie di misure per garantire l’incolumità dei passanti. Succede in via Cavasonno a San Pierino, al confine con il comune di San Miniato.

Il primo episodio risale al 20 marzo scorso: una persona morsicata. Il 2 aprile, i due animali, lasciati liberi all’esterno dell’abitazione, vanno nuovamente in strada e aggrediscono un’altra persona. A quel punto entra in azione l’Asl, che effettua un sopralluogo, al termine del quale i due cani vengono definiti «non pericolosi».

Ma continuano a girare indisturbati nella zona e pochi giorni dopo arriva un’altra segnalazione ai carabinieri. Il 4 agosto si verifica un’altra aggressione e tre giorni più tardi la polizia municipale effettua una nuova verifica. Alla vigilia di Ferragosto, i militari della stazione di piazza Montanelli raccolgono un’altra denuncia: i due si sono introdotti in un’altra proprietà e hanno attaccato un altro cane, ferendolo.

A questo punto l’azienda sanitaria (30 agosto) effettua un nuovo sopralluogo e questa volta i tecnici inviano una nota al Comune, proponendo una serie di provvedimenti nei confronti dei due animali «a rischio potenziale elevato per l’incolumità pubblica». Passano sette giorni e i due ne combinano un’altra, con un nuovo intervento dei carabinieri tra via Cavasonno e via Cavane, chiamati a intervenire da due persone aggredite e ferite dai cani di grossa taglia, mentre transitavano in bici dalla zona. E, stavolta, scatta l’ordinanza, con la quale il Comune impone ai proprietari di trasferire immediatamente i due cani al canile La Valle di Lajatico, dove resteranno (a loro spese), finché non avrebbe effettuato una serie di accorgimenti: la realizzazione di un recinto – con determinate caratteristiche –
all’interno della proprietà, in modo da evitare “fughe” pericolose; la stipula di una polizza assicurativa; inoltre i due animali dovranno essere sottoposti, entro trenta giorni, a una valutazione comportamentale, da parte di un veterinario. In caso di inosservanza, scatteranno le multe.

I COMMENTI DEI LETTORI

TrovaRistorante

a Empoli Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista