Quotidiani locali

sanità

L'ospedale di Fucecchio "chiude" un mese per ferie 

Ecco il piano dell’Asl per il periodo estivo, stop agli interventi al San Pietro Igneo. In tutta l’area tagliati 12 posti letto, chiude il reparto di ortopedia programmata 

FUCECCHIO. Dodici posti letto tagliati e un reparto chiuso per un mese e mezzo e interventi di artoprotesi sospesi per trenta giorni. L’Asl Toscana Centro ha comunicato il piano estivo per tutti i presidi ospedalieri del circondario Empolese Valdelsa e del Valdarno e per quelli delle aree di Pistoia, Prato e Firenze. In particolare, a risentire della riorganizzazione nei mesi di luglio, agosto e della prima parte di settembre saranno alcuni reparti nei quali sono previsti tagli, chiusure e sospensioni delle operazioni. Chirurgia generale, urologia, ginecologia, ortopedia programmata e artoprotesica.

I posti letto complessivi dell’area empolese sono 471, dei quali 405 sono al San Giuseppe di Empoli. Qui degli 86 posti letto complessivi dedicati alla chirurgia sono stati previsti interventi riorganizzativi che porteranno a dei tagli. I reparti di chirurgia generale, urologia e ginecologia, infatti, perderanno 4 posti ciascuno (su un totale di 24), per un numero complessivo di dodici posti letto in meno nel periodo dal 17 luglio al 3 settembre prossimi. Inoltre dal 24 luglio al 3 settembre chiuderà il reparto dei ortopedia programmata dell’ospedale San Giuseppe. Mentre il centro interdipartimentale del San Pietro Igneo di Fucecchio sospenderà gli interventi di artoprotesi dal 28 luglio al 27 agosto.

Per quanto riguarda il Valdarno, invece, rimarranno attivi i 28 posti letto dedicati alla nefrologia e alla riabilitazione all’ospedale Degli Infermi di San Miniato. L’Asl Toscana Centro in una nota assicura «la massima operatività possibile in tutti i reparti ospedalieri e una “cabina di regia” per il monitoraggio costante dell’andamento dei ricoveri. Ne faranno parte i direttori dei dipartimenti della rete ospedaliera, dell’assistenza infermieristica ed ostetrica, del dipartimento chirurgico, delle specialistiche mediche e dell’emergenza e urgenza. Lo scopo è far fronte ad eventuali criticità e in casi estremi riattivare i posti letto. Queste sono due delle novità sostanziali contenute nel cosiddetto piano estivo, con il quale viene rimodulata l’attività di ricovero nel periodo tra giugno e settembre».

La programmazione delle attività di ricovero riguarda soprattutto i contesti dove si verifica una fisiologica diminuzione delle prestazioni programmate, prevalentemente di tipo interventistico, che si manifesta in estate con particolare riferimento al settore chirurgico.

Non ci sono novità, invece, per quanto riguarda le attività di emergenza e urgenza, dell’area critica e internistica. L’Asl, inoltre, fa sapere che saranno mantenuti inalterati i percorsi assistenziali e terapeutici a carattere oncologico e quelli che riguardano i pazienti cronici.

I COMMENTI DEI LETTORI

TrovaRistorante

a Empoli Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro