Quotidiani locali

viale petrarca

Scatta la multa a un lavavetri 

Intervento della polizia a Empoli dove i semafori sono sempre presidiati

EMPOLI. Controlli della polizia contro i lavavetri ai semafori, un problema presente in molti punti della città che ha provocato frequenti proteste. E uno di loro è stato multato secondo il regolamento di polizia urbana. Gli agenti, su indicazione del dirigente del commissariato Francesco Zunino, sono intervenuti lungo via Petrarca, all’incrocio di via Masini, dove ci sono due semafori presidiati ogni giorno da due fratelli di origine romena che abitano a Empoli. Ieri mattina ne hanno trovato uno sono, di 26 anni.

La polizia empolese ha sequestrato il materiale usato per lavare i vetri, spazzole e bottiglie con acqua e sapone. Poi il giovane uomo è stato sanzionato secondo il regolamento approvato nel 2012 e dovrà pagare una multa da cento euro (articolo 13 comma K).

Per chi offre un servizio in maniera illecita, sempre secondo questa regolamento comunale, sono previste sanzioni da cinqu a 500 euro ma nessuno ha mai pagato per questo tipo di violazioni. Non poche sono state di recente le lamentele per la presenza dei lavavetri ai semafori o di persone che chiedono l’elemosina.

Oltre che nel viale Petrarca incrocio via Masini, sono presenti in molte altre zone: da via Fabiani, alla zona di Carraia, viale della Repubblica, nei parcheggi dell’ospedale e nella zona del mercato settimanale di giovedì nella zona sportiva.In discussione rimane, poi, l’applicazione del Daspo urbano, il nuovo strumento messo a disposizione dal ministro Marco Minniti . Si tratta di un provvedimento che viene emesso dal questore

per questioni relative alle zone di spaccio di stupefacenti ma in aree ben precise come piazze e in prossimità di edifici pubblici. Ma che non si presta alle peculiarità della situazione empolese dove il traffico di stupefacenti è abbastanza itinerante e legato alla zona della stazione.

I COMMENTI DEI LETTORI

TrovaRistorante

a Empoli Tutti i ristoranti »

Il mio libro

SPEDIZIONI FREE

Stampare un libro, ecco come risparmiare