Quotidiani locali

via sanzio

Nuova scuola da 5,7 milioni a Empoli con 25 aule, uffici e palestra

Carenze di spazi al Pontormo e al Ferraris, la Città Metropolitana corre ai ripari. Ecco il bando per la progettazione definitiva, cantiere al via nel 2018

EMPOLI. Un nuovo istituto scolastico in via Raffaello Sanzio su un'area da oltre 70mila metri quadrati. Il progetto, che avrà un costo di 5 milioni e 700mila euro, si farà. Al momento c'è uno studio di fattibilità condotto dalla Città metropolitana e sarà messa a bando nei prossimi giorni la progettazione definitiva ed esecutiva del piano. I primi lavori potrebbero partire già nel corso del prossimo anno.

Il progetto al momento prevede la realizzazione di un plesso su due piani con una palestra, che sorgerà nell'area all'interno del polo scolastico tra la ferrovia e il percorso di trekking che parte da via Bonistallo e si collega con via Rio di Santa Maria. L'idea, già evocata dalla sindaca di Empoli Brenda Barnini, è quella di mettere a disposizione le aule per coprire le carenze del Pontormo e del Ferraris. Anche se le necessità (e i numeri delle iscrizioni nei diversi istituti empolese) dei prossimi anni potrebbero modificare in parte i piani. Lo studio di fattibilità redatto da un gruppo di professionisti coordinati dall'ingegnere Carlo Ferrante prevede 25 aule, ciascuna con capienza di circa 30 studenti, oltre a laboratori, uffici e una palestra.

Come accennato, la struttura si svilupperà su due piani lasciando aperta la possibilità a futuri ampliamenti. La superficie utile lorda è di oltre 2.100 metri quadrati per ciascun piano e sono previsti quasi tremila metri quadri di parcheggio. Uno dei gioielli del nuovo immobile sarà proprio la palestra, che sarà collocata sul retro dell'edificio e misurerà 1.400 metri quadrati. I tecnici dell'ente metropolitano hanno pensato ad uno spazio in grado di ospitare le gare degli sport al coperto come basket, pallavolo, pallamano e calcio a 5 sia a livello scolastico che provinciale. Proprio per questo motivo verrà installata anche una gradinata per il pubblico sul perimetro longitudinale con una capienza complessiva di 180 posti a sedere. Saranno previsti anche tre spogliatoi e un'infermeria.

Inoltre, alla palestra sarà affiancata uno spazio da circa 200 metri quadrati in cui sarà possibile lavorare con gli attrezzi e fare arrampicata. «La studio di fattibilità individua delle linee guida - spiega l'ingegner Carlo Ferrante, dirigente della Direzione lavori pubblici, viabilità e gestione immobili della Città metropolitana - tuttavia i dettagli dell'operazione dovranno essere esplicitati nella progettazione definitiva ed esecutiva. Abbiamo pensato ad una architettura aperta, che dia modo di ampliare la struttura in futuro sulla base delle nuove esigenze di edilizia scolastica che sorgeranno». I tempi per la realizzazione del nuovo plesso ancora non sono definiti. Ciò che sembra certo è il costo dell'operazione. Inizialmente il tetto era stato fissato a 7 milioni di euro, ma in questi mesi si è scesi ad un importo complessivamente di 5 milioni e 700mila euro. Al momento la Città metropolitana ha aperto una procedura negoziata per l'affidamento della progettazione definitiva ed esecutiva del piano. Il disciplinare di gara prevede un importo di 420mila euro, dei quali 285mila euro per la redazione del progetto definitivo e 135mila euro per il progetto esecutivo. Il bando fissa in 180 giorni (90 giorni per ciascuno dei due progetti) il tempo massimo per la compilazione dei piani e il coordinamento della sicurezza in fase di progettazione. Verosimilmente, quindi, questa fase si completerà dopo l'estate e a quel punto dovranno essere messi a bando i lavori. Salvo ritardi, quindi, i primi cantieri potrebbero veder la luce già nel corso del prossimo anno.

LE RISORSE

La realizzazione del nuovo plesso scolastico all'interno del polo di via Raffaello Sanzio a Empoli è stata inserita nel cosiddetto Patto di Firenze, firmato dall'ex presidente del consiglio Matteo Renzi nel capoluogo toscano all'inizio di novembre scorso. Le risorse per il progetto, dunque, arriveranno direttamente dallo Stato. Nel Patto si definiscono linee guida e progetti, nonché le modalità di attivazione delle risorse. Sono stati inseriti interventi in materia di viabilità,
riduzione del rischio idrogeologico, mobilità sostenibile, edilizia scolastica, sicurezza e sviluppo economico. In tutto, la Città Metropolitana guidata dal sindaco Dario Nardella e dalla vicesindaca Brenda Barnini ha presentato un piano di investimento da quasi quaranta milioni di euro.

I COMMENTI DEI LETTORI

TrovaRistorante

a Empoli Tutti i ristoranti »

Il mio libro

TORNA IL CONCORSO PIU' POPOLARE DEL WEB

Premio letterario ilmioesordio, invia il tuo libro