Quotidiani locali

Banda di ladri all’assalto della villa di Dainelli

Blitz all’ora di cena nella residenza del calciatore, messi in fuga da un vigilante A poche centinaia di metri una donna sorprende i malviventi in casa di notte

CERRETO GUIDI. Un’altra scorribanda dei ladri nell’Empolese. E stavolta la vittima è illustre. Una banda di malviventi ha fatto irruzione nella villa del calciatore del Chievo Dario Dainelli. Mentre il difensore trentacinquenne si stava godendo il successo ottenuto sul campo del Genoa, i ladri sono entrati nella sua residenza sulle colline di San Zio, nel comune di Cerreto Guidi. Ma il loro piano è andato in fumo grazie al tempestivo intervento di un agente della vigilanza. Ma non si tratta, purtroppo, di un episodio isolato. La zona del cerretese nelle ultime settimane è stata battuta a tappeto dai topi d’appartamento. E proprio poche ore prima del blitz nella villa di Dainelli, una donna che abita a poche centinaia di metri dal calciatore, si è ritrovata i ladri in casa nel cuore della notte e ha iniziato a gridare, mettendoli in fuga.

Colpo in villa. Dainelli, originario di Peccioli, cresciuto nelle giovanili dell’Empoli, ex tra le altre di Fiorentina e Genoa e attualmente in forza al Chievo Verona, abita da anni sulle colline cerretesi insieme alla moglie Rebecca Rocchini, finalista nel 2004 a Miss Italia. I ladri sono entrati in azione domenica sera. Secondo quanto si è appreso hanno scavalcato la recinzione e sono entrati nel giardino della villa, che è anche dotata di un impianto di videosorveglianza. Hanno spaccato una persiana al piano terra e il vetro della porta-finestra. Ma a quel punto è scattato l’allarme, collegato con la sala operativa dell’istituto di vigilanza Globo. Erano le 19.52. I malviventi hanno capito di avere pochissimo tempo a disposizione. Hanno rovistato dappertutto, mettendo completamente a soqquadro alcune stanze, in cerca di soldi e gioielli. Tuttavia appena sei minuti più tardi è arrivato sul posto un agente della vigilanza, che di fatto li ha messi in fuga attraverso la campagna, sul retro della villa, dove probabilmente c’era un “palo” ad attenderli a bordo di un mezzo. Dainelli, che proprio tre ore prima aveva espugnato Marassi con il suo Chievo, è stato subito avvertito della sgradita visita a domicilio. Secondo un primo “inventario” i ladri se ne sarebbero andati a mani vuote ma non è escluso che siano riusciti a portare via oggetti di poco valore.

Notte agitata. La zona di San Zio era stata presa di mira anche la notte precedente. A denunciare il furto è stata una donna, che vive da sola in un appartamento al piano terra: «Intorno alle 4 - racconta - mi sono svegliata e ho sentito dei rumori provenire dalla cucina. Ho iniziato a gridare, a chiedere aiuto, sperando che i vicini mi sentissero. Ho avuto tanta paura. Per fortuna sono scappati. Non li ho visti in faccia e non so quanti erano». I malviventi erano entrati forando una finestra sul retro con un trapano. Sono fuggiti con centocinquanta euro, rubati nel portafogli della donna e due pacchetti di sigarette.

Furto-lampo. I “topi” non risparmiano nessuno. Nell’ultimo periodo non si contano più i colpi in ville, appartamenti, negozi e aziende. Non solo. Nei giorni scorsi è stata rubata anche

un’auto parcheggiata nella zona di Santa Liberata, nel cuore del capoluogo. La macchina è stata poi ritrovata la mattina seguente sulla Provinciale Cerretese, a un paio di chilometri di distanza. Probabilmente è stata utilizzata da una banda per una serie di furti.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

TrovaRistorante

a Empoli Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro