Quotidiani locali

«Quei cartelloni sono offensivi, ritirateli subito»

Dura presa di posizione della commissione pari opportunità della Provincia di Firenze contro i poster scelti per la promozione del settimo centenario della nascita di Boccaccio

CERTALDO. La Provincia di Firenze prende le distanza dalle immagini scelte per la promozione del settimo centenario della nascita di Boccaccio. Dura la presa di posizione di Loretta Lazzeri, presidente della Commissione consiliare per le Pari Opportunità della Provincia di Firenze: «Il corpo delle donne non può essere preso a pretesto per iniziative di promozione, qualsiasi esse siano. Dispiace che per celebrare un'iniziativa di carattere culturale si sia fatto ricorso all'ennesimo sfruttamento dell'immagine della donna. La Commissione per le Pari Opportunità della Provincia di Firenze auspica che manifesti, cartoline e poster che mostrano immagini di ragazze più o meno nude siano al più presto ritirati».

ECCO IL MANIFESTO:

manifesto

LA REPLICA. "Siamo dispiaciuti - scrive l'associazione Polis - e francamente meravigliati di una polemica costruita prendendo a bersaglio una cosa per un'altra: siamo accusati di usare il corpo delle donne “per iniziative di promozione”, ma in questa accusa c'è un errore di fondo. Le immagini di “Boccaccesco 700 – arte urbana” non sono delle pubblicità, ma delle opere d'arte che sono esposte, anziché in una galleria d'arte, sui muri delle strade. Il fatto che siano incorniciate dai logo e dalla ufficialità del VII Centenario della nascita di Boccaccio garantisce che di un progetto artistico si tratta. "Boccaccesco 700 – arte urbana" non promuove alcunchè, è esso stesso un evento culturale e, come tale, è stato accolto dentro le celebrazioni del Centenario. la validità di questo intervento può essere discussa e contestata, ma giudicando col metro del giudizio estetico.
Sulla lotta contro l'abuso della immagine femminile in ambito pubblicitario siamo pienamente d'accordo anche noi.

Il progetto artistico realizzato da I Macelli, frutto di un lavoro accurato sui testi e soprattutto di grande impegno e passione, è stato occasione di crescita artistica e culturale di giovani donne e uomini, in un ambito, quello del contemporaneo,

nel quale la nostra associazione crede e continuerà a credere".

LEGGI Polemiche per il manifesto sexy

I COMMENTI DEI LETTORI

TrovaRistorante

a Empoli Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista