Menu

Il Pd dice basta all’Idv: fuori dalla maggioranza

Il segretario Barnini chiede una verifica «in tempi rapidissimi» in tutti i Comuni «Se non si condividono più gli impegni di governo meglio arrivare alla rottura»

EMPOLI. Pd e Idv sull’orlo della rottura. Forse di più: la linea d’ombra è già superata. A leggere il comunicato diffuso ieri pomeriggio dal segretario della federazione del Partito democratico Brenda Barnini è difficile immaginare una ricomposizione del rapporto che ha legato finora i due principali partiti della coalizione di centrosinistra. Più che un ultimatum sembra - almeno nel tono - un preannuncio di sfratto. «Ritengo - afferma Barnini - che in ogni Comune dove siamo alleati sia necessario in tempi rapidissimi procedere ad una verifica di coerenza e decidere poi, laddove risultasse che non condividiamo più gli impegni di governo per i prossimi anni, di arrivare ad una rottura prima di tutto per un dovere di chiarezza verso i cittadini».

A dare il la alla dura presa di posizione del segretario Pd è stato il fatto che l’Italia dei Valori si sia astenuta, nell’assemblea del Circondario e nei consigli comunali di Empoli e di Certaldo, sul voto che ha portato all’approvazione dello statuto dell’Unione dei Comuni dell’Empolese Valdelsa.

«La necessità di accelerare per dare ancora più forza al nostro territorio nel momento in cui dovrà confrontarsi con Regione e Città Metropolitana è stata compresa da tutte le forze politiche - sottolinea Barnini - e per questo ci sono state maggioranze ampie di voto sullo statuto, in due comuni addirittura l'unanimità (Montespertoli e Montaione) con il voto favorevole di forze politiche di maggioranza e minoranza. In questo clima si inserisce l'atteggiamento dell'Italia dei valori, a parole favorevole, a tratti incomprensibile (hanno dichiarato di essere per la fusione dei Comuni e poi messo per iscritto che la Polizia municipale non doveva mai diventare una funzione unica), che li ha portati a non partecipare al voto. La non partecipazione al voto nell'assemblea del Circondario e nei consigli comunali di Empoli e Certaldo è un gesto che indica la voglia di non assumersi responsabilità, l'atteggiamento di chi si mette sempre alla finestra, spara sentenze e mescola le carte per non doversi misurare con le decisioni».

Il resto del comunicato suona come un addio. «Peccato cari amici dell'Idv - aggiunge il segretario pd - perché in questi anni avete espresso assessori nelle varie giunte dell'Empolese Valdelsa, che si sono impegnati con passione nel servizio civico che è l'amministrazione. Oggi però diventa difficile immaginare che un partito che a livello nazionale non ha ancora deciso se preferisce un’alleanza con Pd e Sel o una con il movimento di Grillo e a livello locale si comporta come un partito di opposizione, possa ancora continuare a far parte di maggioranze di governo che nei prossimi due anni lavoreranno concretamente alla costruzione dei servizi associati nei nostri Comuni».

Da qui la richiesta immediata di una verifica e il preannuncio della rottura. «Fuori dai denti e dai giochetti -conclude Barnini - non tiriamo in ballo altre vicende che riguardano i rapporti nei singoli Comuni e giunte, qui il punto è uno solo: nel momento in cui è stata compiuta una scelta strategica di governo per

tutti i Comuni dell'Empolese Valdelsa nell'interesse dei cittadini e dello sviluppo del territorio voi vi siete tirati indietro, preferendo una posizione di difesa dell'esistente o di qualche dirigente comunale che nell'associare le funzioni teme di perdere la propria posizione».(l.m.)

TrovaRistorante

a Empoli Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro