Menu

In 17mila alla Festa dell’Unicorno

Il borgo di Leonardo invaso dagli appassionati del fantasy giunti da tutta Italia

VINCI. Quasi 13mila biglietti (12.910 per la precisione) staccati all’ingresso del borgo, per un’affluenza totale (bambini, animatori , membri delle associazioni di gioco di ruolo ed espositori non pagavano) di quasi 17mila presenze. Bastano questi due numeri a certificare il successo dell’ottava edizione della Festa dell’Unicorno che si è svolto nel centro storico di Vinci: un evento nato nel 2005 quasi per gioco e che oggi grazie all’impegno del Circolo Fantasy e di diverse associazioni vinciane è divenuto un must per gli appassionati del genere fantasy. Strade gremite, ristori e ristoranti stracolmi e spettacoli a ritmo continuo hanno caratterizzato il fine settimana appena trascorso, per la gioia del pubblico accorso da tutta Italia.

Neppure il caldo afoso ha scoraggiato le migliaia di persone accorse per godersi questa manifestazione medieval-fantasy che di anno in anno richiama un numero sempre maggiore di partecipanti.

La Festa dell’Unicorno è l’evento che conta il più alto numero di associazioni di gioco di ruolo dal vivo pronte a sfidarsi nei vari contest e a impegnarsi per animare la festa insieme ai figuranti e agli artisti. E proprio dai contest arriva la vittoria dell'associazione Angainor Grv nella Disfida di arti magiche, ormai salita a livelli di qualità e spettacolarità impensabili fino a qualche anno fa. Il contest delle creature fantastiche è stato invece vinto dall’associazione Alae Noctis, protagonista di una sfilata a cui hanno partecipato ben 10 creature tutte estremamente fantasiose e ben realizzate. Anche il Vicolo della Paura, con la sua nuova ambientazione, ha confermato il successo degli anni passati dimostrandosi una delle animazioni più originali ed apprezzate della festa.

A coronare l’evento non sono mancati i concerti, addirittura tre, e le numerose esibizioni di giocolieri, sputafuoco e musicisti che si sono alternate lungo le vie del paese, attraversate da personaggi in costumi sempre più curati. Non sono mancati neppure il teatro e la Parata Elfica.

E se la chiusura del centro storico ha creato qualche disagio per turisti e residenti, tutto si è comunque svolto nel migliore dei modi, grazie anche all'instancabile collaborazione dei volontari della Vab e dei dipendenti comunali che anche quest'anno si sono prestati per la gestione di molti aspetti logistici della manifestazione.

E non dimentichiamoci

che questa kermesse non è solo un'occasione di divertimento e un'attrazione per i turisti, ma anche di solidarietà in favore dei bambini africani grazie all’impegno dell’associazione Giovani Coppie nata intorno alla parrocchia di Vinci e del Comitato Amici della Pace di Toiano.

TrovaRistorante

a Empoli Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro