Menu

CREDENZE NELLA VALLE

La leggenda di San Benigno a Poggio Adorno

 FUCECCHIO. Tra Le leggende della terra toscana, il nuovo volume di Carlo Lapucci, oltre 600 pagine, poteva mancare Fucecchio? In località Poggio Adorno (che tutto Fucecchio non è) c'è la venerazione di San Benigno, propiziatore di un buon matrimonio alle ragazze. Una scampagnata nell'ex villa del marchese Bargagli era tradizione per Pasquetta e l'ultima domenica d'aprile. In altri tempi, le giovani coppie cercavano complicità nel bosco o al laghetto, le ragazze da marito si recavano invece a trovare san Benigno, un tempietto nel verde, poiché il corpo riposa nella suggestiva chiesetta, e gettavano un sasso propiziatorio oltre una vecchia grata di ferro. Come avrebbe avuto origine la leggenda? Il futuro santo, Benigno, era un eremita, che viveva di preghiera e poco più. Da Pisa arrivò un condannato a morte, scampato al boia, che visto Benigno pensò di ucciderlo per prendergli il rifugio. In quel momento arrivò una ragazza con qualcosa da mangiare per l'eremita, il giovane la vide bella e buona, se ne innamorò e confessò a Benigno il
cattivo proposito. L'eremita lo perdonò ed esortò ad avere fiducia. A Pisa fu accolto il ricorso dei familiari e il giovane prosciolto poté sposare la ragazza. Il fatto si riseppe e San Benigno diventò protettore delle ragazze da marito. (Lapucci cita come fonte Informatutto, Vivi Fucecchio, 1994).

TrovaRistorante

a Empoli Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Stampare un libro risparmiando: ecco come fare