Quotidiani locali

Matteo Franceschi piccola promessa del fioretto locale

A Riccione l’undicenne sbaraglia la concorrenza Bene anche gli altri atleti del Palazzaccio

CECINA. Matteo Franceschi, 11enne portacolori del fioretto cecinese sbaraglia la concorrenza sulle pedane del campionato italiano di Riccione.

La Sezione scherma della Polisportiva Palazzaccio presieduta da Mauro Giannini, schierava al via di questa competizione 3 piccoli ma micidiali schermitori. Elia De Lentulus categoria giovanissimi fioretto 12 anni, penalizzato da un po’ di sfortuna nel girone di qualificazione iniziale affrontava una gara in salita con ottimismo e grinta, battendo alcuni tenaci avversari per poi fermarsi affrontando uno più abile nel gestire l’emozione dell’incontro.

Andrea Vanni,12 anni, neofita, schermitore da pochi mesi ma molto volenteroso e portato, con la sua spada si è fatto strada usandola con istinto e precisione fino a fermarsi al 108esimo posto,in una gara che vedeva al via più di 200 ragazzi con molti anni di esperienza in più.

Matteo Franceschi,11enne, quindi al primo anno di competizioni vere, si presentava alla gara conclusiva della stagione nella rosa dei favoriti, dopo un anno in vetta alle classifiche finali di tutte le gare regionale e nazionali. Una posizione da una parte scomoda visto che a volte per questi piccoli campioni sono facilmente inclini ad esser frenati dalle emozioni forti. Matteo fin dal primo mattino ha trasformato la paura in allerta, tirando attento e con fare da adulto navigato, colpendo gli avversari attaccando, schivando, parando i colpi, per poi attaccarli e colpire di nuovo i malcapitati. Una gara dai contenuti forti che lo ha visto capace di rimonte quasi impensabili, ribaltando in vittoria gli incontri col pisano Tintori e col trevigiano Pasin che sembravano ormai persi con azioni al cardiopalma.

Fino alla semifinale, nell’area riservata, davanti alle massime cariche amministrative federali tra cui Valentina Vezzali. Una semifinale col mancino ostico Pizzutillo di Firenze,in cui Matteo ha tirato molto bene ma ha pagato la stanchezza di un percorso di gara difficile e qualche inesattezza arbitrale, mentre l’avversario, fresco ed anch’egli molto forte, sfruttava tutte le occasioni facendo concludere al nostro concittadino la gara in una splendida terza piazzata, tra i complimenti dei presenti, la gioia dei numerosi venuti a tifarlo a Riccione e dei compagni di sala a Cecina che lo seguivano aggiornati in diretta.

«Una degna conclusione di una grande stagione, il frutto di un duro ma divertente lavoro di preparazione di anni con un ragazzino serio e motivato che a volte lo fa sembrare un adulto, e un successo per le decine di compagni di sala”commenta il maestro Lorenzo Paoletti, responsabile della sala e forgiatore di questi campioncini. E continua: «sono molto contento, Matteo ha dato il massimo in condizioni veramente difficili; una gara di 199 partecipanti. Sono molto contento di Elia e Andrea,più che per il risultato finale penalizzato da vari fattori, per come hanno affrontato la gara, han carattere,ed han espresso ottima scherma maturata con passione e serietà.

«È il risultato di una palestra che passo dopo passo sta diventando sempre più efficace come infrastruttura e gestione, allenamento intenso che viene affrontato con divertimento e dedizione da tutti i miei giovani allievi, decine di ragazzini con grande passione per le spade e la nobile arte di saperla usare. Bimbi che hanno sogni di vittoria e tanta voglia di divertirsi combattendo ricoprendo di orgoglio la società e onorando la città di Cecina»

E conclude «Ringrazio mio padre Paolo Paoletti, maestro della nazionale, che

mi ha dato una mano di rifinitura nel lavoro coi ragazzi, Mauro Giannini presidente della scherma Cecina, Franco Splendiani presidente della Polisportiva Palazzaccio e Enio Casini creatore ai tempi di quella che oggi è una solida realtà con aspettative rosee per il futuro»



TrovaRistorante

a Cecina Rosignano Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro