Quotidiani locali

basket

Cecina tira fuori gli artigli e in otto fa l’impresa con la Fiorentina

Una grande prestazione della squadra di Montemurro con la Fiorentina Omaggio all’ex Simone Berti per la correttezza, ottimi Gaye, Gigena e Spera

CECINA. Si apre nel migliore dei modi il 2018 della Buca del Gatto Cecina. Di fronte a un avversario temibile come la Fiorentina Basket, che aveva perso soltanto 2 partite contro Omegna e Milano, la squadra di Montemurro tira fuori gli attributi e conquista una vittoria fondamentale per diversi aspetti.

Il morale. Battendo la Fiorentina, Biancani e compagni hanno dimostrato, in primis a loro stessi, di essere una squadra in grado di firmare grandi imprese e di poter affrontare un girone di ritorno in crescita. Il prossimo turno è il derby e i due punti conquistati con la formazione viola, portano Cecina al PalaTenda con grande entusiasmo e tutte le carte in regola per battere il Basket Golfo.

La classifica. Arrivati al giro di boa nel pantano della zona play-out, battendo la squadra di Niccolai, Cecina sale a quota 14, portandosi all’undicesimo posto in coabitazione con San Miniato e ad appena due lunghezze dalla zona play-off il cui ultimo posto utile è occupato da Legnano a quota 16. Con un intero girone ancora da giocare, è presto per parlare di questi obiettivi, ma rimanere in scia alle posizioni che contano non può che giovare al campionato della Buca del Gatto.

Le prospettive. Cecina ha battuto Firenze con 8 giocatori scesi in campo contro i 10 effettivi utilizzati da Niccolai e con le rotazioni ridotte ai minimi termini. Montemurro però ha saputo mandare in campo squadre molto equilibrate e concentrate, sia in attacco che in fase difensiva. Un segnale positivo soprattutto nell’ottica del rientro di Turini che avverrà nelle prossime settimane. Analizzando i numeri della gara con la Fiorentina, Cecina ha avuto la meglio nelle percentuali al tiro da 2 (70% contro 65% dei viola) mentre da 3, contro un Genovese in formato super (5 su 6 e 83%), la Buca del Gatto ha segnato col 38% contro il 46% dei viola. Grande equilibrio sotto le plance (28 rimbalzi per la Fiorentina contro 27 di Cecina), ma maggiore gioco di squadra per i rossoblù che hanno totalizzato 22 assist contro i 14 dei viola. Montemurro a fine gara è raggiante e non potrebbe essere diversamente.

«È stata una partita difficile contro una grande squadra. Abbiamo subito parziali importanti, come quando siamo andati a -12, ma siamo stati bravi a rispondere sempre con piccoli break che ci hanno permesso di rimanere in scia. Il finale, per come è andato, è il giusto riconoscimento per l’abnegazione e l’impegno che mettono i ragazzi durante tutta la settimana ed è stato meritato».

Montemurro poi ci tiene a omaggiare Simone Berti, attualmente in viola ma ex rossoblù, per la grande correttezza e professionalità e per l’ottimo ricordo che ancora ha di Cecina dopo essere stato uno dei protagonisti dell’anno della B1. A livello di singoli, la gara con Firenze ha confermato un Gaye in grande forma che chiude con 23 punti e 23 di valutazione, un Gigena prezioso e concreto, bravo a mettere dentro 19 punti e un ottimo Andrea Spera che segna 14 punti ma chiude con una valutazione di 22 grazie a 6 rimbalzi e 3 assist. Bene anche Forti con i suoi 10 servizi decisivi ai compagni. Menzione a parte per Simone Lasagni. L’ultimo innesto, dopo una prima parte di gara in chiaroscuro, è stato l’uomo chiave nel finale con la sua
bomba da 3 che vale il pareggio e quella palla conquistata caparbiamente e trasformata in contropiede nel canestro della vittoria. Adesso la testa va subito a Piombino, un’altra gara infuocata da affrontare con lo spirito e la forza visti contro Firenze.

Michele Amadori

TrovaRistorante

a Cecina Rosignano Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro