Quotidiani locali

Buca del Gatto, punti d’oro ma troppe 21 palle perse

Basket: 51,9% da due, 52,4% da tre, dominio anche nei liberi contro Moncalieri Preoccupano i “regali” durante il gioco. Gaye cresce, ora 4 gare difficilissime

CECINA. Obiettivo centrato, ma che fatica! La Buca del Gatto Cecina ottiene i due punti nella gara casalinga contro Moncalieri e mette in archivio un’importante doppietta in 4 giorni. 4 punti che fanno comodo alla classifica, dove Cecina risale al settimo posto in coabitazione con altre 5 squadre e al morale dei ragazzi di Montemurro. 4 punti che consentono di guardare con maggiore fiducia al poker di partite che attende ora Biancani e compagni: Omegna, Milano, Fiorentina e il derby con Piombino. Un filotto al quale era importante arrivare con nuovi punti in cascina, ma anche in questa occasione Cecina ha faticato più del previsto. I rossoblù, nonostante un avversario non irresistibile, sono arrivati a giocarsi tutto negli ultimi secondi per via di alcuni errori di gestione e di troppi palloni regalati alla PMS. Nel momento decisivo, con Moncalieri che ha fatto ricorso al fallo sistematico, ha fatto la differenza la freddezza di Biancani dalla lunetta (4 su 4): un en plein che ha evitato i supplementari o peggio la sconfitta, visto che Merletto ha messo dentro il buzzer beater portando i suoi ad appena 2 punti da Cecina. Analizzando la partita nel dettaglio, la Buca del Gatto ha dominato sia nei tiri da 2 che, finalmente, in quelli da oltre l’arco. Da dentro i rossoblù hanno chiuso col 51,9% contro il 42,9% della formazione ospite, mentre da 3 percentuale ancora più elevata: 52,4% contro il 27,6% della squadra di Spanu. Dominio anche ai tiri liberi con l’81,8% contro il 55,6% della formazione ospite. 3 dati che aprono a due chiavi di lettura.

Da una parte la consapevolezza di essere sulla strada giusta per mettere fine al periodo negativo e, nonostante le assenze, di poter contare su una squadra concreta. Dall’altra parte, un dominio così netto a fronte di una gara risolta all’ultimo secondo, deve suonare anche come campanello d’allarme. Il dato più preoccupante è quello delle palle perse: 21 quelle dei rossoblù contro le 10 di Moncalieri. In troppe occasioni i rossoblù hanno manovrato il pallone con poca fluidità, cercando passaggi improbabili e invischiandosi in situazioni non facili che Moncalieri, con un buon pressing sul portatore, ha saputo volgere a suo favore rubando palla a Cecina e costruendo diverse occasioni in contropiede. Un dato che deve far riflettere soprattutto in vista delle prossime partite visto che, se con Moncalieri le ottime medie al tiro hanno fatto da contraltare alle palle perse, contro le prime 4 della classe ogni occasione sprecata può pesare come un macigno. Venendo ai singoli, il migliore è stato Gaye. Il numero 6, in crescita già da qualche partita, ha chiuso con 19 punti e una valutazione di 25 grazie a 10 rimbalzi, 1 assist e ben 3 stoppate. Bene anche Salvadori che conferma i progressi mostrati con Oleggio. 16’ di impiego ripagati con 14 punti e il 100% da 3. Buone le prove di Spera (9 punti), di Forti e di Lasagni che deve ancora riprendere il ritmo gara ma che comunque ha contribuito con 7 punti e 3 assist. Non ancora al top Gigena, ma la sua esperienza
nel guadagnare falli preziosi (8 in totale) e la freddezza a canestro, sono risultate comunque preziose. Una menzione speciale va, infine, a Barontini: per lui un impiego sempre crescente (18’) e una buona prestazione arricchita da 5 punti.

Michele Amadori

TrovaRistorante

a Cecina Rosignano Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro