Quotidiani locali

Vada, Bibbona, Piemme: il tris stavolta è servito

Becherini lancia i granata, l’undici di Fignani soffre ma vince, Di Fraia determinante per i neroverdi

CECINA. Vada. Batte al “Silvio Gori” il Livorno 9 il Vada, con Samuele Becherini autore del gol-partita. “Gara complicata come mi aspettavo” dice l’allenatore granata Antonio Luongo, uno che sostiene come la classifica non vada guardata prima dell’incontro, ma al massimo alla fine. «Gli ospiti – spiega – hanno fatto meglio nei primi venti minuti, poi una volta prese le misure ci è andata molto meglio trovando il vantaggio a metà primo tempo e più volte la via della porta avversaria senza però riuscire a concretizzare. Nel finale abbiamo rischiato qualcosa; purtroppo se le partite non si chiudono c’è da soffrire. Questa volta, al contrario della domenica precedente quando si è preso il gol del pareggio nel recupero, è andata bene. 21 punti e quinto posto. Ora testa a Treggiaia».

Palazzi Monteverdi. Il Palazzi Monteverdi riscatta l’uscita di Coppa andando a vincere per 3-2 a Riotorto, grazie al contributo del nuovo acquisto Giacomo Di Fraia in rete subito nei primi minuti: «Dopo cinque minuti – spiega il tecnico David Tarquini – è arrivato il gol sull’asse Ludovico Bernini – Giacomo Di Fraia, poi loro due hanno avuto altre due-tre palle gol per raddoppiare. È arrivata la reazione del Riotorto che ha pareggiato da punizione con Caroti che ha sfruttato un rimpallo. Nella ripresa siamo stati bravi a rientrare in campo con il giusto atteggiamento, Manfredo Puglielli ha servito Bernini in area che è stato atterrato e lo sesso Puglielli ha trasformato il calcio di rigore. Michael Mottola su contropiede ha realizzato il 3 a 1, poi loro hanno accorciato allo scadere con Salvati ma non c’era più tempo e ci siamo presi questi tre punti. Adesso la classifica ci rende più giustizia». Prossima sfida dei giallo-verdi in casa del Caldana.

Bibbona. Vittoria doveva essere e vittoria è stata. Il Bibbona con quattro reti archivia la pratica Suvereto, ma a sentire le parole del mister Massimo Fignani non è stata una partita così facile come il risultato farebbe pensare: «Il nostro avversario ci ha fatto soffrire, non dimentichiamoci che hanno in attacco Emilio Cipriani che è tra i capocannonieri del girone, poi hanno Petrini che è alto quindi cercavano sempre il lancio in area per sorprenderci di testa. Noi abbiamo sbloccato il risultato all’ultimo minuto del primo tempo con Niccolò Cappellini, dopo aver sbagliato almeno tre gol davanti al portiere, c’era molta tensione in campo e la nostra manovra non era così fluida come in altre circostanze. Nella ripresa abbiamo raddoppiato
con Cappellini e incrementato il bottino con Luca Ciolli. Alla fine è arrivata anche la quarta rete del nostro nuovo acquisto Federico De Zio, anche se c’è stata una deviazione avversaria decisiva». Domenica gli amaranto sfideranno il Ribolla. (f.c. - e.b.)

TrovaRistorante

a Cecina Rosignano Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista