Quotidiani locali

donoratico 

Una difesa da rivedere, bocciata

La sconfitta col San Quirico fa piombare la squadra in zona playout 

DONORATICO. Il Donoratico si complica la vita e al termine di una gara davvero di una pochezza disarmante, sprofonda in piena zona play-out.

Per carità, niente allarmismo, il valore della squadra di Stefano Bani non è certo quello visto domenica al Bacigalupo contro il San Quirico, ma l'involuzione di gioco messa in atto contro i Senesi suona un campanellino d'allarme. Molte prestazioni individuali hanno lasciato a desiderare, speriamo si sia trattato di una giornataccia generale da dimenticare al più presto.

Bomber Mimini è stato servito poco e male e non è apparso nella sua giornata migliore, a centrocampo anche Carducci così come il resto dei suoi compagni di reparto è andato incontro ad una prestazione costellata di errori specie nei passaggi. Ma il reparto peggiore è stata senza dubbio la difesa, male Invernazzi e Nucci, sotto tono anche la prestazione di Degli Esposti. Nel grigiore generale sono in pochi a meritare la sufficienza, uno è Martelli che sulla fascia destra ha spesso creato scompiglio mettendo al centro palloni invitanti, Anche sul piano tattico la squadra ha mostrato tanta confusione e idee annebbiate, specie dopo che i cambi hanno ridisegnato la formazione. Lì è davvero saltato tutto e il San Quirico poteva approfittarne per andare ancora a segno. Si sapevano le difficoltà di affrontare un campionato con una squadra completamente rinnovata, ma sembravano pian piano superate con le ultime due convincenti prestazioni contro Cecina e Castelnuovo. Insomma la salvezza non sarà una passeggiata ma
bisogna avere fiducia e lavorare sodo.

Domenica sul campo del lanciato Cascina altra sfida da brividi, ma i ragazzi devono dare una risposta forte, lasciarsi alle spalle questa prestazione negativa e guardare al futuro con rinnovato ottimismo.

Giorgio Creatini

TrovaRistorante

a Cecina Rosignano Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista