Menu

C’è l’accordo mentre si parla già di mercato: bomber D’Ambrosio il sogno proibito

La grinta di Brondi per i biancoblù

L'ex mister di Picchi e Cecina approda alla corte del nuovo Rosignano

 ROSIGNANO. Stefano Brondi è il nuovo allenatore del Rosignano. Conferma quindi sulle voci dell'ultim'ora che indicavano l'ex tecnico di Forte dei Marmi, Armando Picchi, Cecina, Livorno (Primavera) il più accreditato ad occupare la panchina biancoblù nel prossimo campionato di serie D. Brondi entro sabato verrà presentato ufficialmente agli sportivi dalla società di via della Repubblica.  Con lui, nel 2004, la vicina società rossoblù, presidente Francesco Manno, conquistò la promozione in nazionale dilettanti; la serie D, per intenderci. Prima ancora era stato a Venturina, a Grosseto e al Versilia.  Stefano Brondi vanta una brillante carriera di calciatore, iniziata a Livorno nei ragazzini del Picchi. Da ricordare che con la Sampdoria vinse il campionato cadetto e gli si aprì di conseguenza l'accesso alla massima serie.  Fu quindi a Bologna, Catanzaro, Perugia, Ancona, Lucca. E a Bari (serie A) dove segnò un gol di rara bellezza, in mezza rovesciata, rimasto memorabile. La carriera la concluse nella Pistoiese, lo stesso sodalizio nel quale cominciò quella di allenatore (secondo a Gianfranco Bellotto, nella prima squadra).  Visibilmente soddisfatto della chiamata in biancoblù «sono contento - dice - di venire a Rosignano; c'ero già andato vicino in passato, poi avevo preso altre strade. È una società che ha storia, buone strutture. Metterò al suo servizio tutte le mie qualità». Luca D'Ambrosio è stato un suo pupillo. C'è chi dice che senz'altro proporrà di averlo ancora con sé. Ma sentiamo il diretto interessato: «D'Ambrosio è un giocatore che ho avuto quando ho vinto il campionato a Cecina; un attaccante che in questa categoria tutti vorrebbero avere. Però quelle degli acquisti non sono cose di mia competenza».  «Sono appena arrivato - prosegue Brondi - e dobbiamo valutare i giocatori che abbiamo per vedere come muoverci. Ci sono varie componenti da tener di conto e cercheremo di sbrigarle nel miglior modo possibile». Per poi osservare: «A Rosignano si è chiusa un'era, quella di Polzella, che fra l'altro ha fatto molto
bene, e se n'è aperta un'altra. Vedremo ora cosa si può fare di buono. Per quanto mi riguarda, non mi risparmierò. Darò il massimo». Stefano Brondi, tecnico ritenuto molto preparato. Grandissimo conoscitore di calcio. Eccolo ripartire da Rosignano, con un entusiasmo da vendere. Auguri, Stefano!

TrovaRistorante

a Cecina Rosignano Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro