Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Stalli a Marina, si infuriano i commercianti: "Scelte sbagliate"

Una veduta di Marina di Cecina

Secondo gli operatori l'introduzione di Zsc e parcheggi blu
ha danneggiato turisti e negozianti. Ma il sindaco non ci sta

CECINA. Le zone a sosta controllata e l'istituzione di diversi stalli a pagamento sono state le novità dell'estate 2018 per Marina di Cecina. La stagione adesso sta volgendo al termine, ma la riorganizzazione della sosta ha sollevato - e continua a farlo - polemiche e malumori, soprattutto tra alcuni dei commercianti che lavorano vicino al mare. «I turisti si lamentano - dicono gli esercenti - E anche per noi trovare un parcheggio libero è diventato più difficile». Ma il sindaco difende le scelte fatte: «Le decisioni sono state prese consultando le associazioni di categoria - dice Samuele Lippi - Sicuramente alcune cose sono da rivedere, ma, nel complesso, è stato portato avanti un lavoro finalizzato a garantire un maggior numero di parcheggi ai residenti e a regolamentare l'area».Un'opera, questa, basata sull'individuazione di due zone a sosta controllata contrassegnate dalle lettere N e P, nelle quali i parcheggi sono riservati ai residenti.

Oltre alle Zsc - attive fino al 15 settembre - , quest'estate a Marina, in aggiunta ai 1.376 stalli già esistenti con sosta a pagamento dal primo giugno al 30 settembre, sono stati individuati altri 319 parcheggi blu. Scelte queste che nel complesso sembra non siano piaciute ad alcuni commercianti e villeggianti. Sono infatti giunte al Tirreno alcune lamentele di turisti che si sono detti sorpresi di trovare tante strade nelle quali la sosta risulta riservata ai residenti, per un'organizzazione complessiva che rende più difficile trovare un parcheggio, se non molto distante dal mare. «Sono molti i turisti che si sono lamentati nel corso dell'estate - dicono Elia e Benedetta Lotti, titolari di un locale su viale della Vittoria - Non riescono più a trovare parcheggio ed è capitato di incontrare persone che si sono dette intenzionate a cambiare località balneare. Ma anche per chi lavora e viene da fuori non è semplice. O paghi o parcheggi lontano e vieni al lavoro con la bicicletta o con l'autobus, non è certo una comodità».

Secondo Serena Saccà, anche lei titolare di un locale su viale della Vittoria, «a chi viene tutti gli anni a Marina non è piaciuto l'aumento dei parcheggi a pagamento, né il fatto che gli stalli rimangano blu fino al 30 settembre».«Non pretendo il parcheggio davanti alla panetteria - continua Ivana Fantasie (nella foto) - Ma non posso nemmeno venire qui per scaricare la merce e poi ritardare l'apertura del negozio perché non trovo parcheggio. Noi commercianti siamo penalizzati. Gli altri anni, invece, la situazione mi sembrava diversa».Opinioni simili sono espresse anche da Elena Boni e Giulia Orlandini, lavoratrici nell'ambito turistico, le quali sottolineano come avrebbero potuto «sottoscrivere l'abbonamento a pagamento per gli stalli blu, ma non ci garantiva un posto».

Difficoltà a trovare parcheggio vicino al mare, aumento degli stalli blu e zone a sosta controllata hanno dunque generato diversi malumori in alcuni commercianti. Il sindaco Samuele Lippi però non ci sta. «Nella Zsc possono parcheggiare gratuitamente anche gli esercenti operanti nella zona - dice - Sia i titolari delle attività sia i dipendenti. In tutto il Comune di Cecina, inoltre, ci sono migliaia di parcheggi, sia gratuiti sia a pagamento. E per chi non trova un posto auto vicino al mare, è stato attivato il servizio navetta». Un autobus, questo, che parte dal parcheggio scambiatore gratuito di via Gilching per dirigersi verso Marina di Cecina, le cui corse, però, sono terminate lo scorso 2 settembre.