Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Acque non idonee dopo i rilievi di Arpat davanti a due spiagge

san vincenzoA 24 ore dall’avvio delle analisi di Arpat, i campioni di acqua prelevati dall’area denominata San Vincenzo centro sud e da quella di Botro dei Marmi mostrano valori che renderebbero il...

san vincenzo

A 24 ore dall’avvio delle analisi di Arpat, i campioni di acqua prelevati dall’area denominata San Vincenzo centro sud e da quella di Botro dei Marmi mostrano valori che renderebbero il mare non idoneo alla balneazione.

Non risulta, d’altra parte, essere stata ancora emessa l’ordinanza che, alla luce delle analisi, imporrebbe il divieto di balneazione sulle suddette aree.

Le analisi di laboratorio hanno una durata, stabilita dalla legge, di 48 ore e solo trascorso questo tempo l’esito può essere validato. Tuttavia, quando il superamento dei parametri, in particolare escherichia coli ed enterococchi intestinali, è già evidente a 24 ore dall’inizio delle analisi, il risultato viene comunque comunicato al sindaco per l’adozione dei provvedimenti a tutela della salute dei bagnanti.

In attesa delle analisi di verifica delle condizioni di balneabilità da parte di Arpat pertanto dovrebbe scattare il divieto di balneazione preventivo. Il sindaco di San Vincenzo Alessandro Bandini, da parte sua, sottolinea di non aver ricevuto, per il momento, nessuna notizia circa i risultati dei campionamenti di Arpat.

Non è la prima volta che a San Vincenzo si verificano situazioni simili, con analisi che mostrano acque non idonee alla balneazione.

Proprio nella zona denominata San Vincenzo centro sud, appena dopo Ferragosto, la balneazione era stata vietata, dopo che i campionamenti avevano mostrato valori non a norma di escherichia coli ed enterococchi intestinali.

Anche a metà giugno, alla foce del Renaione, sono emersi problemi simili dopo due giorni di pioggia che avevano sovraccaricato gran parte del sistema di fognatura. A maggio, invece, sono scattati divieti di balneazione in tratti di mare in corrispondenza dei tre punti di prelievo Arpat: Principessa centro, centro sud e porto nord. —