Quotidiani locali

Orti sociali, ecco un nuovo pozzo E ci sono progetti di ampliamento

Asa e Comune lavorano a una struttura per il Palazzaccio L’assessore Burgalassi: «Porterà benefici sul territorio»

cecina

L’idea è quella di creare una serie di pozzi dai quali attingere acqua potabile per irrigare i diversi orti sociali presenti sul territorio.

Un progetto, questo, portato avanti da Asa e Comune di Cecina, che sta iniziando lentamente a prendere forma attraverso la pianificazione di un primo intervento.

«Siamo al lavoro per realizzare un nuovo pozzo in località Palazzaccio – scrive Asa in una nota – L’acqua sarà destinata sia all’innaffiamento degli orti sociali del Comune sia al consumo umano».

Al Palazzaccio sono circa trentanove gli appezzamenti di terreno che saranno interessati dalla nuova realizzazione, «l’intenzione, però, è di incrementare questo numero – dice l’assessore alle politiche sociali del Comune di Cecina Lia Burgalassi – in modo tale che sempre più persone possano avere l’opportunità di possedere un pezzo di terra da coltivare». Per questo motivo, aggiunge l’assessore, «stiamo inoltre pensando di estendere la possibilità di ottenere un orto sociale anche alle famiglie che dispongono di un reddito basso».

Ad oggi per poter risultare destinatari di un orto sociale, infatti, è necessario superare i 65 anni, aver cessato l’esercizio dell’attività lavorativa, essere residenti nel Comune di Cecina e non possedere altri terreni adibiti a uso agricolo.

La direzione, però, è quella di incrementare il bacino d’utenza in grado di partecipare al bando per l’assegnazione dei terreni pubblici. La tendenza, d’altra parte, è anche quella di aumentare il numero degli appezzamenti stessi.

Attualmente, fa sapere l’assessore Burgalassi, oltre ai 39 orti del Palazzaccio, all’interno del territorio comunale ne esistono altri ottanta, circa.

La creazione dei pozzi, inoltre, dovrebbe «garantire un doppio beneficio – rende noto Asa – Grazie a questa nuova opera il territorio potrà infatti vedere incrementata la propria capacità idrica e potranno essere abbattuti i costi dell’acqua. Le persone anziane che gestiscono gli orti, quindi, risparmieranno».

Obiettivi, questi, ribaditi anche dall’assessore Burgalassi, la quale sottolinea come il progetto abbia «una duplice funzione. Da un lato vuole rinforzare la portata dell’acquedotto e dall’altro punta a rendere più contenuti i prezzi delle bollette. Perché, se la terra è assegnata gratuitamente dal Comune, i consumi sono a carico di chi gestisce il terreno».

Un nuovo pozzo nel breve periodo, dunque, al quale, successivamente, se ne affiancheranno altri, in modo tale da rendere coperti tutti gli orti sociali.

Le tempistiche per la realizzazione della prima struttura al Palazzaccio non sono però ancora certe. E non è dunque possibile fissare una data d’inizio per i lavori.

«Al principio di agosto abbiamo inoltrato la richiesta di autorizzazione alla Regione. Un passaggio, questo, che in casi simili è necessario compiere. Una volta ottenuto il via libera da Firenze, Asa inizierà la realizzazione del pozzo».

Terminata la struttura

del Palazzaccio, i lavori si sposteranno nelle altre zone di Cecina interessate dagli orti, come Paduletto e Palazzi.

Perché, quello al Palazzaccio sarà «un intervento - conclude Asa - che verrà esteso anche a tutti gli orti sociali del territorio comunale». —



TrovaRistorante

a Cecina Rosignano Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro