Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Il vicesindaco di Bibbona verso la segreteria provinciale

Simone Rossi non conferma la sua candidatura ma ammette: «È stato fatto il mio nome. Mi metto  a disposizione per aiutare» 

bibbona

«Una candidatura deve essere indicata dagli altri, non può venire annunciata dalla persona interessata. Posso però dire che, da parte mia, offro la massima disponibilità a dare una mano dove ce n’è bisogno.

Mi metto a disposizione e non mi tirerò indietro nel momento in cui sarà necessario assumersi le proprie responsabilità».

Simone Rossi, vicesindaco di Bibbona e vicepresidente del Cecina calcio, non conferma direttamente, ma, d’altra parte, nemmeno smentisce un sua possibile candid ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

bibbona

«Una candidatura deve essere indicata dagli altri, non può venire annunciata dalla persona interessata. Posso però dire che, da parte mia, offro la massima disponibilità a dare una mano dove ce n’è bisogno.

Mi metto a disposizione e non mi tirerò indietro nel momento in cui sarà necessario assumersi le proprie responsabilità».

Simone Rossi, vicesindaco di Bibbona e vicepresidente del Cecina calcio, non conferma direttamente, ma, d’altra parte, nemmeno smentisce un sua possibile candidatura come segretario della federazione provinciale del Partito democratico.

«È stato fatto il mio nome per quella carica, lo ammetto - dice - ma, ripeto, non sono io a dovermi candidare in prima persona».

In vista delle prossime elezioni Simone Rossi ha una convinzione: «È importante che il partito sia compatto - afferma - Al di là delle diverse aree culturali, comunque esistenti all’interno del Pd, è necessario costruire qualcosa di comune.

Dobbiamo tornare nelle piazze, parlare con i giovani e recuperare il contatto con le persone». Gli obiettivi primari, secondo lui sono «riprendere Livorno e mantenere il governo dei Comuni all’interno dei quali il partito è attualmente in situazione di maggioranza».

In quest’ottica, Simone Rossi ribadisce che «i candidati del Pd hanno tutti ottimi profili. L’importante è rimanere uniti, utilizzando le differenze interne come ricchezza, senza vedere nelle altre correnti un nemico da combattere.

La maggioranza non può semplicemente imporre una linea e la minoranza deve imparare a dialogare. È importante, insomma, recuperare una coesione interna». Per quanto riguarda la federazione provinciale, invece, nessuna candidatura ufficiale alla carica di segretario per ora. Ma su una cosa è chiaro: «Io - dice - ci sono». —

C.G.