Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Sulle tombe erba alta, incuria e sporcizia: degrado nei cimiteri

Il cimitero di Castiglioncello

La denuncuia dei cittadini: «Infiltrazioni nelle partei e intonaci che si sgretolano»

CASTIGLIONCELLO. Ci sono erba alta e sporcizia tra le tombe. Alcuni loculi sono rotti e, sui viali, appaiono mattoni e contenitori di plastica abbandonati. Il chiosco che un tempo vendeva i fiori, poi, è caratterizzato dalla presenza di rifiuti e topi. Il Tirreno ha recentemente esplorato il cimitero di Castiglioncello e, dalla visita, è emerso una scenario privo di decoro, con incuria e degrado ampiamente diffusi. In alcuni punti del cimitero, ad esempio, la vegetazione è molto alta ed è capitato che, soprattutto le persone anziane, abbiano avuto difficoltà a muoversi. Una situazione, questa, che ha generato le proteste di quanti frequentano abitualmente il luogo, i quali hanno manifestato il loro dissenso anche attraverso i social network. Sul gruppo "Sei di Castiglioncello se", ad esempio, sono apparsi alcuni post tramite i quali è stato denunciato lo stato di abbandono e di degrado in cui versa il camposanto.

Molte persone hanno manifestato il desiderio di avere un cimitero maggiormente curato, pulito e più controllato. Si sono infatti verificati anche furti di fiori dai vasi, oltre che sottrazioni di lumini e di oggetti vari che fungono da ricordi posti a ornamento delle foto sistemate sulle tombe. I tumuli più vecchi, rotti e circondati da sterpaglie, sembrano essere lo sfondo adeguato per quello che alcuni castiglioncellesi descrivono come luogo del degrado e dell'incuria. Tanto che, viste le pessime condizioni della zona, i parenti dei defunti sono costretti a dedicarsi personalmente alla pulizia del luogo, estirpando anche le erbacce che invadono l'area.Lo stesso discorso fatto per Castiglioncello vale anche per i cimiteri di Rosignano Marittimo e Vada, anche se, in questo caso, la situazione appare meno grave, seppur esistano intonaci che cadono, buche nei viali e scarsa manutenzione generale delle tombe.

«Ce ne sarebbero di cose da dire - spiegano alcune cittadine all'ingresso del cimitero di Rosignano Marittimo - Alcuni vialetti sono sconnessi e le persone sono costrette a seguire percorsi tortuosi, rischiando di cadere.Le infiltrazioni scendono dai muri e alcuni intonaci si sgretolano. Il cimitero dovrebbe essere un luogo dove poter far visita ai propri cari nell'ordine e nella pulizia. Invece, in questo, caso, purtroppo la situazione è decisamente diversa».Sporcizia, erbacce e buche, infatti, rendono i cimiteri della zona luoghi di degrado. A tal punto che, in alcuni casi, anche la possibilità di far visita ai propri cari defunti è negata, a causa della mancanza di scivoli che rende impossibile per chi ha problemi di deambulazione muoversi all'interno del cimitero. L'auspicio dei cittadini è che a questa situazione di incuria possa essere messo un freno.