Quotidiani locali

marina di bibbona

L’ex presidente del consiglio comunale si tuffa e salva tre turiste

Al largo per la corrente non riuscivano più a rientrare Intervento di Luigi Valori con un bagnino in canoa

MARINA DI BIBBONA «Uno dei due materassini era talmente distante dalla riva che si vedeva a fatica con il cannocchiale». Salvataggio in extremis, nel primo pomeriggio della giornata di Ferragosto, sulla spiaggia a sud di Bibbona. A ripercorrere l’accaduto è Luigi Valori, ex presidente del consiglio comunale di Cecina che è anche direttore dello stabilimento balneare Camilla, a Marina di Bibbona. Il vento che spirava nella giornata del 15 agosto ha trasportato tre turiste ventenni di origine tedesca al largo. Le tre ragazze, che erano alla spiaggia libera a sud del Bagno Camilla, si sono immerse a bordo di due materassini. Per fortuna, dalla spiaggia, il personale addetto al salvataggio ha tenuto sotto controllo gli spostamenti delle tre turiste.

«Il bagnino della postazione 1 - scrive in una nota l’amministrazione di Bibbona - e quello del Bagno Camilla, che in quel momento era in pausa pranzo ed era sostituito dal direttore dello stabilimento Luigi Valori, hanno sempre monitorato la situazione con il cannocchiale».

Quando i due hanno capito che i materassini erano troppo al largo, e che per i turisti sarebbe stato impossibile riavvicinarsi a riva, Alessandro Agnorelli, bagnino della cooperativa di guardia nella postazione 1, e Luigi Valori, non hanno esitato a salire sulle canoe per raggiungere a largo i turisti. «Tenevamo d’occhio i due materassini - spiega Valori - e ci siamo resi conto che i turisti non avevano possibilità di tornare indietro da soli. Così siamo partiti a bordo di due canoe. Io mi sono diretto verso il materassino più vicino, che sarà astato a 500 metri dalla riva, e ho recuperato una delle ragazze portandola verso riva. Agnorelli è andato verso l’altro materassino, a circa 800 metri da riva, e poi mi sono diretto anche io verso quella direzione. Lì abbiamo trovato due ragazze impaurite, che si sono attaccate alle canoe».

Un salvataggio che si è spinto fino alla spiaggia di Donoratico, nel Comune di Castagneto Carducci, dove sono stati fatte scendere le due turiste: per loro tanta paura, ma per fortuna nessun problema fisico. Dopo

aver messo in sicurezza le turiste, i due addetti al salvataggio sono rientrati in sede a bordo del quad, il mezzo acquistato ad inizio stagione dall’amministrazione per far fronte a situazione come questa. Un’azione di sinergia congiunta che è riuscita ad evitare il peggio per i bagnanti. —

I COMMENTI DEI LETTORI

TrovaRistorante

a Cecina Rosignano Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro