Quotidiani locali

Vai alla pagina su Toscana economia
L’alga Spirulina, tentazione industriale di Monteverdi

L’alga Spirulina, tentazione industriale di Monteverdi

Ha proprietà terapeutiche e tiene basso il colesterolo. Il Comune ha dato disponibilità per un impianto di coltivazione e produzione a Canneto

MONTEVERDI. La Spirulina è una micro-alga naturale portentosa: contiene molte vitamine utili e possiede qualità terapeutiche. Ricca di Omega 3 e Omega 6 aiuta a tenere controllati colesterolo e trigliceridi. Ottima come integratore alimentare, viene utilizzata in larga scala anche nella produzione di concimi. Bene, ma cosa c’entra la Spirulina con Monteverdi? C’entra e come da qualche settimana, da quando l’amministrazione comunale ha proposto il proprio sito industriale, sopra Canneto, come "luogo ideale" per la realizzazione di un innovativo impianto di coltivazione e produzione. La disponibilità di calore geotermico, che già alimenta la vicina termocentrale di San Luciano e dell’acqua di due laghetti non distanti sono le "carte" messe sul tavolo di una operazione a cui sono già interessate alcune importanti realtà imprenditoriali e - vista da Monteverdi - possibile volano di sviluppo per l’occupazione locale.

Ma andiamo ai dettagli. A Chiusdino, in provincia di Siena, l’Università di Firenze, Enel Green Power e consorzio Cosvig hanno realizzato un impianto sperimentale per "coltivare" la Spirulina utilizzando le risorse della geotermia. . Serve tanto calore, utilizzando invece quello geotermico "quasi gratis" quei costi si abbattono drasticamente: sembra l’uovo di Colombo. Ma se in teoria questo è vero, nella pratica il percorso innovativo va sperimentato e verificato nei dettagli: il progetto avviato a Chiusdino si propone infatti di "valutare la competitività nel realizzare la produzione di Spirulina con CO2 e calore geotermico rispetto agli impianti tradizionali", come si legge nei documenti ufficiali.

I risultati finora ottenuti fanno ben sperare. Tant’è che si è deciso di farli uscire dai laboratori dell’università e di proporli all’attenzione di possibili investitori. Così un primo approccio è stato messo a segno qualche settimana fa quando il sindaco Giannoni e il consigliere Macchioni hanno accompagno in visita all’impianto sperimentale una delegazione della Caldic, multinazionale olandese che opera a livello mondiale nell’agroalimentare. Con una filiale in Italia; della quale è amministratore Giorgio Novak da alcuni mesi neo-monteverdino, dunque il contatto perfetto per promuovere l’incontro con gli olandesi e la visita a Chiusdino. Il risultato? Cautela, si preferisce mettere prima la sperimentazione sotto la lente dei costi-benefici .

Secondo passo a Castelnuovo Valdicecina per iniziativa del Cosvig (il consorzio che gestisce le royalties date dall’Enel alla Regione per mitigare gli effetti degli impianti geotermici):

presentati il progetto, il businnes plan, l’elenco dei vantaggi. Il prossimo passo toccherà all’imprenditore industriale: secondo una prima stima dovrà mettere sul piatto almeno due milioni di euro per coltivare l’alta Spirulina in zona S.Luciano e creare nuovi posti di lavoro a Monteverdi.

I COMMENTI DEI LETTORI

TrovaRistorante

a Cecina Rosignano Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro