Quotidiani locali

Coltivano marijuana in casa, fermata un’intera famiglia

Rosignano, padre e figlio trovati in possesso di 27 piante in vaso e un chilogrammo di droga. I carabinieri li hanno arrestati, denunciata la madre separata per lo stesso reato

ROSIGNANO. Padre, madre e figlio. Tutti dediti alla coltivazione e allo spaccio di marijuana. Li hanno scoperti i carabinieri della stazione di Castiglioncello, guidati dal maresciallo Luca Consalvo. Da tempo i militari dell’Arma portano avanti una indagine per colpire coloro che coltivano stupefacenti e poi lo spacciano a Rosignano e nelle zone limitrofe.

Durante questa attività di controllo, ieri mattina, i militari di Castiglioncello sono intervenuti all’interno di due case, una in località I Loti e l’altra a Serragrande, dove una intera famiglia - padre, madre e figlio - portavano avanti la coltivazione di marijuana. Ecco che i carabinieri hanno arrestato padre e figlio, rispettivamente di 47 e 29 anni, italiani e residenti nel comune di Rosignano. I due, con precedenti, sono agli arresti domiciliari.

Non solo, anche la madre del ragazzo, separata da alcuni anni dall’ex marito, è stata trovata in possesso di droga, ed è stata denunciata in stato di libertà.

Quando i carabinieri di Castiglioncello, nel corso delle operazioni per arginare il fenomeno di coltivazione e spaccio di droghe, hanno perquisito le tre persone e anche le abitazioni a Serragrande e in località I Loti, hanno trovato svariate quantità di piante di marijuana e di droga già confezionata. Nel dettaglio, nell’appartamento dove sono stati arrestati padre e figlio, i militari hanno scoperto 27 piante di marijuana con infiorescenze, sistemate dentro alcuni vasi. E ancora, nella stessa abitazione hanno sequestrato 1 chilogrammo e 106 grammi di marijuana già essiccata e pronta per essere immessa sul mercato, 50,5 grammi di hashish. E ancora, i militari hanno rinvenuto una serie di attrezzature che padre e figlio utilizzavano per coltivare la droga e lavorarla così da poterla vendere. Nell’abitazione è stata sequestrata una tenda per la coltivazione indoor, una bilancia di precisione e materiale per l’essiccazione, impianti di illuminazione e irrigazione idonea alla coltivazione in serra della marijuana.

Analoghi controlli, come detto, sono stati effettuati nella casa dell’ex moglie del 47enne e madre del 29enne. Anche in questo caso i carabinieri hanno rinvenuto 7 piante di marijuana con infiorescenze, tutte coltivate nei vasi, e anche 40 grammi di droga pronta per l’utilizzo.

Come detto, per padre e figlio l’accusa è di coltivazione di stupefacenti e per loro è stato disposto il regime degli arresti domiciliari. La madre, invece, è stata denunciata per coltivazione di stupefacenti in concorso.

Da tempo la compagnia dei carabinieri di Cecina, attraverso l’attività dei militari delle varie stazioni presenti sul territorio, porta avanti attenti controlli per contrastare il fenomeno

dello spaccio di stupefacenti. L’attività messa a segno ieri mattina fa parte appunto di questi servizi, mirati ad arginare anche la coltivazione di alcune droghe che spesso viene effettuata nelle abitazioni, dove la marijuana vien poi lavorata per l’immissione in commercio.
 

TrovaRistorante

a Cecina Rosignano Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro