Quotidiani locali

In cantiere il bando per i menù scolastici di Montescudaio

MONTESCUDAIO. Il Comune di Montescudaio sta predisponendo il nuovo capitolato e disciplinare di gara per la gestione del servizio mensa delle scuole del territorio comunale, che riguarda il nido e la...

MONTESCUDAIO. Il Comune di Montescudaio sta predisponendo il nuovo capitolato e disciplinare di gara per la gestione del servizio mensa delle scuole del territorio comunale, che riguarda il nido e la materna del Fiorino e la scuola secondaria di secondo grado di Montescudaio, sede dell’istituto comprensivo Griselli.

Nella costruzione del capitolato di gara, l’amministrazione ha recepito il lavoro svolto dalla commissione mensa, a firma del presidente Antonio Laudazi, particolarmente apprezzata dal sindaco Simona Fedeli tanto da averne recepito come una sorta di «atto di indirizzo» alcuni principi ritenuti alla base di una corretta educazione alimentare dei bambini. La relazione, consegnata alle amministrazioni dei Comuni dell’istituto comprensivo con scopo propositivo e consultivo, nasce da una valutazione del menù offerto all’utenza, basato su un capitolato risalente a cinque anni fa e giudicato non aggiornato rispetto a studi più recenti. Dal lavoro di un anno della commissione mensa, fatto di studi e verifiche da parte di un team di esperti, tra cui figura anche una nutrizionista, è scaturita l’esigenza di introdurre alcune varianti agli schemi di menù proposti tradizionalmente. Tra le novità che sono state recepite e inserite nel capitolato del corpo di gara, figurano quelle dell’introduzione del piatto jolly, già sperimentato nell’anno in corso, come valido metodo per testare il gradimento di nuove ricette e abituare i “piccoli palati” a confrontarsi con gusti diversificati. L’amministrazione, riconoscendo l’alto valore argomentativo delle osservazioni dei genitori della commissione, fatto anche di esperienze sul campo, oltreché di studio, ha inoltre inserito nel capitolato una serie di indicazioni , tra le quali figurano, oltre quella del piatto jolly, il maggior consumo di piatti vegetali di stagione, il ricorso a una maggiore quantità di carni bianche rispetto a quelle rosse o ai prodotti carnei semilavorati, l’inserimento di legumi e frutta a guscio e la limitazione della somministrazione di dolci o altre

sostanze zuccherine dopo i pasti. Inoltre, nella definizione del bando l’amministrazione ha posto particolare attenzione ai temi della provenienza della materia prima da coltivazioni biologiche e/o a km zero e della corretta gestione dei rifiuti prodotti.

©RIPRODUZIONE RISERVATA.

TrovaRistorante

a Cecina Rosignano Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro