Quotidiani locali

Muore nel sonno bambino di 3 mesi

Cecina: la mamma si è svegliata all'alba e l'ho trovato senza vita. Si tratta di una "morte in culla"

CECINA. Quando la mamma si è avvicinata alla culla per prenderlo in braccio e dargli la poppata che era prevista a quell’ora ha fatto la drammatica scoperta. Ha sfiorato il suo bambino e l’ha tirato su, con l’intento di posizionarlo per poi farlo mangiare. Ma si è resa conto che il piccolo non respirava più.

Tragedia, all’alba di lunedì 12, nel centro di Cecina. Un neonato di tre mesi è stato trovato morto dentro la sua culla, probabilmente a causa della Sids (conosciuta come “morte in culla”, le cui cause sono ancora da chiarire a livello scientifico). Una sindrome che è l’incubo di tanti genitori e purtroppo ogni anno in Toscana colpisce circa trenta bambini nati sani. A rendersene conto è stata la mamma, che insieme al marito ha subito allertato il 118.

La tragedia è avvenuta intorno alle 6.30 di lunedì in una abitazione al piano terreno in un condominio del centro. I genitori avevano sistemato il piccolo a notte fonda, dopo l’ultima poppata. La mamma, all’ora prevista per il nuovo pasto, si è avvicinata alla culla. Erano circa le 6.30 quando la donna ha preso in braccio suo figlio e ha capito cosa poteva essere accaduto. Ha cominciato a urlare, capendo che al piccolo era successo qualcosa di grave. Il marito ha avvisato il 118, che ha inviato sul posto un’ambulanza della Pubblica assistenza di Cecina con medico a bordo. Nel frattempo la coppia, che ha sperato fino alla fine che il personale sanitario potesse in qualche modo salvare il neonato, ha contattato anche la pediatra che aveva in cura il bambino.

Il piccolo era già morto, ma il medico del 118 ha comunque tentato in ogni modo di intervenire, nella speranza che ci fosse la possibilità di rianimarlo. Non è stato possibile, e quando i genitori del neonato hanno avuto chiaro cosa era successo hanno cominciato a disperarsi. La causa della scomparsa del piccolo, anche dopo l’esame esterno sul corpo effettuato dai medici intervenuti, è stata classificata come “morte in culla”, ossia di piccoli che sebbene sani muoiono durante il sonno.

Come previsto nei casi di decesso in abitazione, tanto più trattandosi di un neonato, il 118 ha avvisato i carabinieri della stazione cittadina, che hanno informato dell’accaduto il magistrato di turno, la dottoressa Sabrina Carmazzi.

I militari sono andati nell’appartamento dove è deceduto il piccolo per rendersi conto della dinamica della tragedia. Vista la certezza della causa del decesso del piccolo, il magistrato non ha richiesto l’autopsia sul corpo, che è stato ricomposto all’interno dell’abitazione.
 

I COMMENTI DEI LETTORI

TrovaRistorante

a Cecina Rosignano Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro