Quotidiani locali

sanità

Quasi 500 persone aspettano un intervento chirurgico

Anche 313 giorni per una operazione non urgente in ambito ginecologico Tempi lunghi per l’ortopedia, soprattutto per il settore delle protesi  

CECINA. Sono 497 le persone che aspettano di essere operate all’interno dell’ospedale cittadino. Lo rivela il report dei tempi di attesa per interventi chirurgici all’interno delle strutture sanitarie dell’ex Asl 6, aggiornato al 31 gennaio scorso.

Tempi di attesa che per alcune branche specialistiche sono diventati biblici, soprattutto in considerazione delle classi di priorità individuate dalla Regione Toscana (A per casi clinici che dovrebbero essere ricoverati e operati entro 30 giorni, B per casi da “trattare” entro 60 giorni, C per pazienti da ricoverare e operare entro 90 giorni). Dei 497 pazienti in attesa di un intervento chirurgico, 111 rientrano nella classe A e quindi sono casi clinici che potrebbero potenzialmente aggravarsi al punto di diventare vere e proprie emergenze. Da ricordare come le emergenze oncologiche vengano trattate nelle varie sezioni operatorie tramite corsie “preferenziali”, scavalcando anche le liste di attesa in maniera da garantire un intervento chirurgico veloce.

Il maggior numero di persone in attesa - un totale di 241 pazienti al 31 gennaio scorso - sono state valutate di classe B, ossia casi con gravi disfunzioni e dolori che dovrebbero essere operate entro 60 giorni), mentre 145 rientrano nella classe C (dolori e disfunzionalità lievi senza tendenza ad aggravarsi).

Quattro le tipologie di interventi chirurgici effettuati all’ospedale di Cecina e presi in considerazioni nel report: chirurgia generale, ostetricia-ginecologia, ortopedia e ortopedia protesica.

Chirurgia generale, attese quasi in linea con i parametri. Pochi i pazienti in lista d’attesa, per l’esattezza 92, soltanto 9 dei quali con priorità A (elevata). E tempi di attesa che rientrano nei parametri della Regione, a parte 133 giorni per i casi meno gravi (classe C).

I tempi lunghi di ostetricia-ginecologia. Questa la branca con il numero maggiore di pazienti che sono in lista per un intervento chirurgico (in totale 174). Molto superiori ai parametri indicati dalla Regione anche i giorni di attesa, che arrivano a 313 per i pazienti in classe di priorità C, che non sono gravi ma certo dovendo attendere quasi un anno potrebbero potenzialmente peggiorare e trasformarsi in emergenze.

Il nodo dell’ortopedia. Se i pazienti in attesa di interventi chirurgici di ortopedia “generica” non sono molti (100 totali considerando le tre classi di priorità), risultano 172 i giorni di attesa per i pazienti meno gravi, quindi in classe C.

Non va meglio il settore dell’ortopedia protesica, che registra

un totale di 131 casi in attesa di essere ricoverati ed operati, 113 dei quali in classi prioritarie (A e B). Quel che salta all’occhio è il fatto che, in questa branca di interventi chirurgici, le attese più lunghe (106 giorni) sono per i pazienti più urgenti (classe A).
 

TrovaRistorante

a Cecina Rosignano Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PER GLI SCRITTORI UN'OPPORTUNITA' IN PIU'

La novità: vendi il tuo libro su Amazon