Quotidiani locali

Vai alla pagina su Toscana economia
Il bar dice addio alla slot e ottiene lo sconto sulla Tari

Il bar dice addio alla slot e ottiene lo sconto sulla Tari

Il circolo Arci di Gabbro è l’unico locale del comune ad aver presentato la richiesta. Il presidente Malanima: «Un gesto di moralità, e una agevolazione di 102 euro»

GABBRO. Hanno detto addio alle slot machine e, grazie a questa scelta etica, hanno anche ottenuto uno sconto sull’ammontare della Tari (Tassa sui rifiuti). Il circolo Arci “Il nibbio” a Gabbro, nella centrale piazza Mazzini, è l’unico locale del territorio rosignanese ad aver portato a termine la procedura prevista dall’amministrazione comunale di Rosignano per negozi che decidono di dismettere le slot machine.



Fiero della scelta fatta il presidente del circolo Fiore Malanima, che spiega come alla base della decisione ci sia un’impronta morale. «All’interno del locale abbiamo avuto una slot per 4 o 5 anni - spiega Malanima -, ma poi abbiamo riflettuto sull’idoneità di tenere queste macchinette. E siccome anche lo statuto dell’Arci promuove l’ideologia di contrastare le ludopatie e salvaguardare i cittadini, soprattutto i giovani, abbiamo intrapreso il percorso per toglierla».

leggi anche:

Una battaglia, quella contro le slot, che tutto l’Arci Cgn (Castelnuovo, Gabbro, Nibbiaia) porta avanti da almeno due anni, con l’intento di non incentivare nei ragazzi e più in generale tra la popolazione comportamenti che possano diventare pericolosi.

«Già due anni fa - spiega l’assessore Daniele Donati - il Comune ha approvato un regolamento che prevede l’impossibilità di aprire locali con slot nelle vicinanze di punti sensibili, come ad esempio le scuole. Inoltre sono stati previsti sgravi sul pagamento della Tari per quegli esercenti che decidono di eliminare le slot. Da allora soltanto l’Arci di Gabbro ha fatto richiesta per avere questa agevolazione». Il locale nel centro della frazione collinare, come spiega Malanima, ha presentato richiesta entro il 31 gennaio dell’anno passato, così come previsto dal regolamento comunale che disciplina la tassa sui rifiuti e le relative agevolazioni.

leggi anche:

italia slot

Slot, l'Italia brucia 49 miliardi nelle macchinette

Gratta e vinci, lotterie, superenalotto, scommesse sportive, lotto, macchinette, gioco online, ippica, bingo: nel 2016 gli italiani hanno speso 95 miliardi nel gioco, oltre la metà solo in slot machine e videolottery. Pari a più di due manovre finanziarie. La Lombardia è la regione che spende di più, seguita da Lazio e Veneto. L'Abruzzo è la regione con la maggiore densità di apparecchi. Prato è la provincia italiana con la giocata pro capite più alta. Tutti i dati nell'inchiesta del Gruppo Gedi

«Abbiamo avuto quindi un controllo della polizia municipale - spiega Malanima - che ha verificato come effettivamente la slot fosse stata eliminata secondo e procedure». Così, a fine dicembre, l’amministrazione ha emesso una determina (la numero 1055) con cui riconosce al circolo “Il nibbio” una agevolazione di 102 euro per quanto riguarda il pagamento della Tari relativa al 2017. Una cifra che ammonta a circa il 50 per cento della tassa sui rifiuti che il locale avrebbe dovuto pagare l’anno passato.

Anna Cecchini
 

TrovaRistorante

a Cecina Rosignano Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PERCORSI

Guida al fumetto: da Dylan Dog a Diabolik