Quotidiani locali

Atti osceni davanti alle donne, denunciato

Cecina: con la scusa di chiedere indicazioni stradali, restava a bordo della sua auto e si masturbava mentre loro parlavano

CECINA. Utilizzava la scusa di chiedere informazioni stradali per fermare donne che incrociava nel centro cittadino, e poi, mentre loro gli fornivano informazioni su come raggiungere la mèta richiesta, lui ne approfittava per masturbarsi.
L’uomo è stato bloccato dalla polizia, dopo che una signora è riuscita a prendere il numero di targa dell’auto su cui viaggiava. Così, nei giorni scorsi, un 28enne residente a Napoli, è stato denunciato a piede libero per atti osceni e a suo carico è stato avviato il procedimento di via obbligatorio, con divieto di tornare a Cecina per tre anni.

Tutto è cominciato lo scorso 9 ottobre, quando una donna cecinese si è presentata al commissariato per denunciare cosa le era appena accaduto. Ha raccontato che stava passeggiando in centro, vicino a un parco giochi per bambini, e che è stata affiancata da un’auto. Al volante c’era un uomo, che le ha chiesto indicazioni stradali per raggiungere l’ospedale di Cecina. È chiaro che la donna, per educazione e non temendo certo di essere importunata, gli ha indicato la strada da percorrere. L’uomo però ha continuato a farle domande, che lei ha valutato banali, non comprendendone l’utilità. A quel punto ha notato che l’automobilista, mentre cercava di prendere tempo dialogando con lei e continuando a chiederle informazioni, si stava masturbando. Lei ha mostrato sangue freddo, e si è spostata per osservare la targa dell’auto su cui l’uomo viaggiava. Il conducente, per tutta risposta, è partito velocemente e si è dileguato.

La donna è andata al commissariato, dove la polizia ha avviato una minuziosa attività di indagine, partendo dai dati forniti dalla persona molestata, che oltre alla targa ha chiarito che l’uomo aveva un forte accento napoletano e ha descritto altri dettagli dell’auto. Così è emerso che il possibile autore del reato poteva essere un 28enne di Napoli, con precedenti per atti osceni in luogo pubblico.
Il cerchio si è chiuso quando gli agenti della polizia hanno mostrato alla signora un album fotografico, nel quale, tra le varie foto, era stata inserita quella del sospettato. La donna lo ha immediatamente riconosciuto.

Una volta individuato, l’uomo è stato bloccato dalla polizia di Napoli, territorialmente competente, e indagato in stato di

libertà per il reato di atti osceni, con l’aggravante che tutto è avvenuto nelle vicinanze di una zona abitualmente frequentata dai bambini. Nei confronti del 28enne è scattato anche il foglio di via e il divieto di ritorno nel Comune di Cecina per tre anni.


 

TrovaRistorante

a Cecina Rosignano Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista