Quotidiani locali

lutti 

L’ultimo abbraccio a Ilaria Carletti

In tanti si sono stretti con affetto ai familiari nella chiesa di Palazzi

CECINA. Un dolore composto. Quasi insegno di rispetto per lo stile con cui Ilaria Carletti ha sempre affrontato le difficoltà della vita. In tanti si sono stretti con affetto ai familiari della donna nella chiesa di San Pietro in Palazzi dove è stato celebrato il funerale per poi trasferire il feretro al cimitero comunale di Cecina per la tumulazione. Il sorriso di Ilaria si è spento per sempre a 43 anni, la mattina del 6 ottobre, all’ospedale Cisanello a Pisa, dove era ricoverata dal 16 agosto a seguito delle complicazioni dovute alle conseguenze di un incidente stradale.

In prima fila anche i volontari della Misericordia di San Pietro in Palazzi che da sempre hanno affiancato Ilaria nel quotidiano. Invalida al cento per cento dalla nascita, Ilaria i suoi limiti li affrontava ogni giorno come una sfida, senza smettere mai di sorridere. Da tempo lavorava come impiegata all’Agenzia delle Dogane. E quando la disabilità si è aggravata si è aggrappata ancora una volta alla sua determinazione. Si faceva portare sul posto di lavoro dal servizio di accompagnamento della Misericordia. E il 16 agosto rientrava a Cecina dal lavoro quando a bordo di un Fiat Doblò della Misericordia di San Pietro in Palazzi è avvenuto l’incidente. All’altezza di via Tronto lo scontro frontale con un’auto finita nella corsia di marcia del Doblò. A ricordare la donna anche i colleghi dell’Agenzia delle Dogane. «Oggi per tutti noi è un giorno triste ma di profonda riflessione – questo il messaggio che hanno letto in chiesa –, Ilaria, esempio delle più grandi

virtù, ci ha lasciati con il sorriso che l’ha sempre distinta. Sarai comunque con noi e in mezzo a noi nel ricordo più sincero della tua forza e del tuo coraggio. Hai vissuto poco, nella sofferenza, ma sempre con serenità, fede e speranza. Un grande abbraccio da tutti noi».
 

TrovaRistorante

a Cecina Rosignano Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista