Quotidiani locali

Segnale Rai ko, decine di verifiche nelle abitazioni

I rappresentanti del ministero al lavoro a Castiglioncello, a breve un rapporto dettagliato per capire il disservizio

CASTIGLIONCELLO. La mattina del 5 ottobre, come annunciato nei giorni scorsi, i tecnici del ministero per lo Sviluppo Economico e quelli di Rai Way Toscana hanno effettuato i controlli relativi alla ricezione dei canali Rai Uno, Rai Due, Rai Tre e Rai news 24. Accompagnati dai rappresentanti dell’assemblea di frazione e da quelli della Pro Loco di Castiglioncello, i tecnici hanno provveduto ad effettuare misurazioni, anche all’interno di alcune abitazioni, per verificare le caratteristiche del segnale.

Durante i controlli hanno potuto capire se la mancanza di segnale dei canali pubblici sia dovuta a problemi specifici degli impianti privati, tipo la collocazione delle antenne, oppure di altro tipo. I controlli si sono resi necessari dopo che da tempo i cittadini di Castiglioncello, Rosignano e di altre zone del territorio comunale, si lamentano di non poter vedere i canali pubblici nonostante il regolare pagamento del canone. Attraverso l’assemblea di frazione e il Centro commerciale naturale, sono state raccolte alcune centinaia di segnalazioni. E così il Comune di Rosignano ha preso contattati con il Mise per chiedere la garanzia degli standard minimi del servizio pubblico. In base alle segnalazioni punti maggiormente critici sono risultati a Castiglioncello l’area di Punta Righini, dove sorge un ripetitore, la zona del Quercetano, di Caletta e delle Spianate; a Rosignano Solvay non si riceve il segnale nell’area del supermercato Coop e in quella del Conad e di Santa Croce; infine a Marittimo ci sono difficoltà in via Queste zone sono state segnalate ieri mattina ai tecnici dell’ispettorato del Mise e all’equipe del controllo di qualità di Rai Way Toscana, presente con il proprio responsabile, per effettuare dei campionamenti e verificare la corretta ricezione del segnale. Le equipe hanno iniziato ed effettuare le misurazioni da Punta Righini – via Napoli – sul promontorio del Museo Archeologico Nazionale di Castiglioncello.

«Siamo sostanzialmente soddisfatti dei contatti con il Mise, che ha risposto inviando

l’ispettorato – afferma l’assessore Daniele Donati – restiamo dunque in attesa del rapporto che stileranno per valutare ulteriori richieste da fare al gestore in modo da garantire la fruizione del servizio pubblico». Rapporto che verrà inviato nei prossimi giorni.
 

TrovaRistorante

a Cecina Rosignano Tutti i ristoranti »

Il mio libro

I SEGRETI, LE TECNICHE, GLI STILI

La guida al fumetto di Scuola Comics