Quotidiani locali

castiglioncello 

La pineta patrimonio monumentale

Salvaguardare l’area verde, iniziata la raccolta di firme dei 5 Stelle

ROSIGNANO. E’ iniziata la raccolta di firme promossa dal Movimento Cinque stelle per l’inserimento della pineta Marradi, o almeno del suo scolare viale centrale, all’interno dell’elenco del patrimonio monumentale. Lo avevano annunciato alcuni mesi fa durate il dibattito relativo al piano agronomico che ha portato al taglio di circa 50 alberi tra pini e lecci. Conseguentemente il M5S aveva presentato una mozione in consiglio comunale. Mozione che è stata respinta. E così, in questi giorni, ha preso il via una raccolta di firme on line e attraverso banchetti che verranno organizzati sul territorio. La norma alla quale fanno riferimenti i 5 Stelle, come ricorda Mario Settino, è la Legge 14 gennaio 2013, n. 10, e dal Decreto del 23 ottobre 2014 del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali; queste normative definiscono cosa si intenda per albero monumentale: «l’albero ad alto fusto isolato o facente parte di formazioni boschive naturali o artificiali ovunque ubicate - ricorda il consigliere comunale- ovvero l’albero secolare tipico, che possano essere considerati come rari esempi di maestosità e longevità, per età o dimensioni, o di particolare pregio naturalistico, per rarità botanica e peculiarità della specie, ovvero che rechino un preciso riferimento ad eventi o memorie rilevanti dal punto di vista storico, culturale, documentario o delle tradizioni locali; i filari e le alberate di particolare pregio paesaggistico,monumentale, storico e culturale, ivi compresi quelli inseriti nei centri urbani. Se si fosse fatto quanto da noi richiesto - conclude - la nostra Pineta avrebbe potuto avere maggiore tutela e finalmente il giusto riconoscimento per il suo valore storico e culturale».

«La nostra mozione è stata respinta - ricorda la consigliera Elisa Becherini - Per questo abbiamo avviato una Petizione online con raccolta firme anche attraverso i banchetti, la partecipazione dei cittadini potrà essere decisiva per ripresentare la richiesta, è il momento con un semplice gesto di dimostrare l'attaccamento di tutti noi per questo immenso patrimonio del nostro territorio». Un valore storico “culturale e arboreo - prosegue il consigliere Francesco Serretti - per molto tempo sottovalutato. La pineta Marradi è una meta turistica apprezzata da moltissimi anni nonché un ambiente strettamente ed intimamente connesso agli affetti e alla vita di moltissimi cittadini da generazioni intere; ma è anche storia e cultura, è legata a celebri artisti come il Pittore Giovanni Fattori e alla Scuola dei macchiaioli, al poeta e scrittore Giovanni Marradi. La parte storica della pineta, costituita dal viale centrale, presenta alberi centenari, splendidi testimoni verdi del nostro tempo. E’ da mesi che la pineta Marradi è al centro di un dibattito iniziato con il piano agronomico dell’Università di Pisa i cui esperti, dopo alcuni sopralluoghi
e indagini, hanno ravvisato la necessità di tagliare alcuni alberi e di curarne altri. Dibattito che è proseguito in queste settimane e che stavolta ha messo alla luce come, il maggior numero di manifestazioni e attività turistiche, si concentrato proprio all’interno dei questo parco.

TrovaRistorante

a Cecina Rosignano Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista