Quotidiani locali

Cavalcaferrovia caso in Parlamento 

Castagneto Carducci, interrogazione del senatore Matteoli al ministro Delrio: «Ho potuto constatare la presenza di evidenti crepe»

CASTAGNETO CARDUCCI. Dalla sua casa a Casale Marittimo Altero Matteoli raccoglie l’invito del consigliere comunale e amico di lunga data Benito Gragnoli, in scia alle sollecitazioni di alcuni residenti. Raggiunge Donoratico e constata di persona lo stato del cavalcaferrovia che porta a Marina di Castagneto. Risultati del sopralluogo che il senatore di Forza Italia, presidente della commissione permanente Lavori pubblici, traduce nero su bianco in un’interrogazione parlamentare al ministro delle Infrastrutture e trasporti Graziano Delrio.

«Dopo una segnalazione ricevuta da alcuni residenti, mi sono recato nei giorni scorsi a Donoratico presso il cavalcavia – dice il senatore Matteoli – e ho potuto constatare la presenza di visibili ed evidenti crepe che destano dubbi e apprensione. Ho chiesto quindi al ministro di avviare con urgenza le dovute verifiche e gli eventuali interventi manutentivi interessando l’ente proprietario dell’infrastruttura».

Dal ministro delle Infrastrutture il senatore di Forza Italia si attende provvedimenti urgenti per verificare lo stato di pericolosità del cavalcavia ferroviario e stradale che è anche l’unico collegamento tra la via Aurelia e la frazione a mare.

Non smette di alimentare il confronto e il dibattito politico la situazione del cavalcaferrovia. Doveva essere rifatto nell’ambito delle opere compensative legate alla realizzazione del Corridoio tirrenico. Poi è finito tutto nel dimenticatoio. E da troppi anni l’infrastruttura mostra i segni del tempo. Il cavalcaferrovia, che è su strada provinciale, è un problema sia in termini di sicurezza che di scorrimento della viabilità. Ma chi deve pagare per farne uno nuovo? L’unica certezza è che l’intervento di messa in sicurezza e ristrutturazione nell’ambito delle opere compensative legate al progetto dell’autostrada è finito in un cassetto. A colpire è anche lo stato in cui versano i parapetti, in alcuni tratti assicurati con una corda per evitarne il crollo a terra. E forse questo più di altri aspetti dà la dimensione di un problema su cui si affannano da sinistra
come da destra.

Una situazione più volte finita in consiglio comunale e che lo scorso aprile la sindaca di Castagneto Carducci Sandra Scarpellini, in accordo con la Provincia, ha rappresentato al vice ministro delle Infrastrutture e dei trasporti Riccardo Nencini.

I COMMENTI DEI LETTORI

TrovaRistorante

a Cecina Rosignano Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro