Quotidiani locali

Autostrada, ecco l’aumento dei pedaggi

L’incremento medio nazionale è del 3,9%, ma Sat (Cecina-Livorno) ad esempio applica il 5%  - COMMENTA

Puntuale, come ormai ogni anno, Capodanno fa rima con aumento dei pedaggi autostradali. Sono scattati, infatti, una serie di rincari delle tratte, approvati con decreti dei ministri delle Infrastrutture, Maurizio Lupi, e dell’Economia, Fabrizio Saccomanni. Rincari che portano alcune tratte toscane ad essere sempre più un lusso per gli automobilisti. Un esempio? Il tracciato che collega Cecina a Collesavetti. Ottimo asfalto, certo, ma 4,60 euro per circa 30 chilometri iniziano davvero a essere un bel peso per molti portafogli.

La media nazionale dell'ultimo aumento è del 3,9%, ma in alcuni casi si è arrivati a rincari decisamente superiori. È appunto il caso della Sat, la società che gestisce l’autostrada che da Cecina porta a Livorno (e che costruendo la Tirrenica). «Il decreto del ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, di concerto con il ministro dell'Economia e delle Finanze - si legge nella nota della società - ha determinato provvisoriamente nella misura del 5% l'adeguamento tariffario, nelle more dell'aggiornamento del Piano economico finanziario da presentare al Cipe entro il 30 giugno 2014, che prevederà le modalità di recupero della differenza tra l'effettivo aggiornamento tariffario dovuto e quello oggi riconosciuto».

CALCOLA I NUOVI PEDAGGI

Andando al sodo, dalla barriera di Cecina al casello di Collesalvetti ora si paga 4,60 euro contro i precedenti 4,40. Dal vecchio casello di Rosignano a Collesalvetti si passa da 4 euro a 4,20. Ovviamente è più cara anche la tratta da Rosignano a Livorno: nel 2012 costava 5,10 euro, ora 5,50.

Per Salt, l'autostrada ligure-toscana, l'aumento medio è del 3,07%.  E così la Bretella Lucca-Viareggio si conferma tra i tratti più cari d'Italia (è al terzo posto) in relazione al numero di chilometri (appena 18). Qui il pedaggio sale da 3,20 a 3,30 euro (e un ritocco di 10 centesimi c'era già stato a ottobre con l’aumento dell'Iva).

Qui Lucca. A Lucca, per via di uno strano incrocio tra Salt e Autostrade, si registrano situazioni paradossali per cui chi va a Viareggio da Lucca ovest - casello Salt - spende dieci centesimi in più di chi parte da Lucca est, casello di Autostrade. Questa differenza naturalmente vale anche per le altre destinazioni: ad esempio andare a Livorno ora costa 4 euro partendo da Lucca Ovest e 3,60 da Lucca est, mentre per Montecatini la differenza si fa ancora ancora maggiore (2,60 e 2).

Qui Prato. Per fare altri esempi, un automobilista di Prato si troverà ad affrontare i seguenti rincari: Prato est - Livorno, 7,50 euro (+ 20 centesimi), Prato est - Viareggio 7,10 (+20 centesimi), Prato est - Pisa nord 5,10 (+20 centesimi), Prato est - Pistoia 1,40 (+10 centesimi), Prato ovest - Montecatini 2,20 (+10 centesimi).

La Cisa infine ha varato un aumento ancora maggiore, pari al 6,26 per cento. L’aumento medio a livello nazionale è del 3,9 per cento ma gli incrementi arrivano a volte a superare anche l'8%. Il ministro dei trasporti Maurizio Lupi, però, sottolinea che gli aumenti sono stati «contenuti» grazie ad un'azione di calmieramento

svolta dal ministero. «Puntuali come un orologio svizzero» arrivano, secondo l’Osservatorio nazionale sulle liberalizzazioni dei trasporti (Onlit) i ritocchi ai pedaggi autostradali. Si tratta di «aumenti ingiustificati» che giungono «nel consueto caos dei provvedimenti di fine anno».

I COMMENTI DEI LETTORI

TrovaRistorante

a Cecina Rosignano Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro